10 anni di Wooden Legs. L’irish band triestina è diventata grande

Nello scenario rustico e raccolto del Murphy’s Meeting Point a Trieste, giovedì (16 marzo 2017) ha avuto luogo un compleanno speciale: i Wooden Legs, la band triestina di Irish Folk ormai apprezzatissima anche all’estero, hanno festeggiato 10 anni dal loro primo concerto, tenutosi nel 2007 proprio alla vigilia di San Patrizio.

L’evento, svoltosi dapprima alla presenza di pochi intimi (amici, parenti, fan sfegatati, ex membri e gestori del locale), ha visto la band carica come nelle migliori serate esibirsi con il loro solito repertorio di pezzi originali e brani dalla tradizione dei pub irlandesi, allargato per l’occasione anche a pezzi che da tempo non suonavano più dal vivo. Pian piano però quella che quasi sembrava una festa privata ha visto frotte di genti riversarsi e ingolfare il piccolo locale, attirate dalle note imbizzarrite prodotte sul palco dalla famiglia allargata dei Wooden Legs, trasformatasi quasi in un’ensemble quando i 4 attuali componenti della band (Giovanni Settimo, Alice Porro, Anselmo Luisi e Sebastiano Frattini) hanno invitato a suonare con loro gli ex membri, dando vita a una sorta di Supergruppo composto da 1 chitarra, 1 flauto, ben 3 violini e 2 percussioni, che ha reso impossibile per i presenti non farsi trascinare dai ritmi sempre più serrati.

Oltre ai brani originali, composti dal gruppo durante la loro carriera, strumentali e non ma con liriche e atmosfere sempre Irish purosangue, molti sono stati come sempre i brani della tradizione (The Pride of Pimlico, Hot Ashpalt, Tell Me Ma, Join the British Army, All for Me Grog, Follow Me Up to Carlow, The Rocky Road to Dublin, The Wild Rover, Johnny I hardly knew Ya, What should We do with a Drunken Sailor, Molly Malone, Whiskey in the Jar e Lord of the Dance), ma non sono mancati anche un paio di brani nuovi che saranno presenti nel nuovo album, in uscita nel 2018, una gran quantità di foto più o meno imbarazzanti a ripercorrere 10 anni esperienze, concerti e viaggi e la reinterpretazione della prima canzone mai suonata dal gruppo, In un giorno di pioggia dei Modena City Ramblers.

Se non si fosse capito: chi non era presente all’evento di ieri s’è perso un gran concerto; chi ancora non conosce i Wooden Legs s’è perso 10 anni di ottima musica e un percorso di crescita che li ha visti pian piano affermarsi come una delle migliori Irish band europee, ma per fortuna può ancora rimediare stasera (17 marzo 2017), alle 20:30 alla Taverna Mastri d’Arme. Certo, non si tratterà dell’irripetibile concerto di compleanno, ma solamente (si fa per dire) del solito concerto di San Patrizio, in cui la band ha sempre dato tutta se stessa. Ecco, magari stavolta non aspettatevi la torta… fiumi di birra come sempre, quelli sì, non serve aggiungere poi molto per rendere un concerto dei Wooden Legs un’esperienza da ricordare.

(video di Vincenzo Inzerillo)

Commenti Facebook
By | 2017-03-21T12:03:55+00:00 17/03/2017|Categories: Focus on (Magazine), Musica|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Traduttore (di Football Manager, ma anche di cose più serie), germanista, ex scout (ma "scout una volta, scout per sempre"), ama guidare l'auto ma anche spostarsi in bicicletta e fare trekking in montagna. Appassionato di astronomia, calcio, formula 1 e soprattutto di musica. Per radioincorso.it conduce Tribute, cura maniacalmente la scelta musicale dei programmi che lo vedono in conduzione, ha un debole per i programmi tematici e recensisce concerti, ma dei gruppi che piacciono a lui perché il suo motto è #SomeSongsAreBiggerThanOthers