«Le università in alto nella scala di priorità» L'appello dei tre rettori FVG ai futuri eletti

Francesco Peroni

Dopo la denuncia avvenuta alla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, sugli effetti subiti dal sistema universitario nazionale a causa dei tagli finanziari dell’ultimo quinquennio, i tre rettori – Cristiana Compagno dell’università di Udine, Francesco Peroni dell’università di Trieste e Guido Martinelli della Sissa di Trieste – ai candidati alle prossime elezioni rivolgono un appello.

“Vogliamo richiamare l’attenzione – precisano i tre rettori – sul fatto che tale scenario non è meno allarmante in Friuli Venezia Giulia. La circostanza che le nostre Università abbiano sinora resistito, grazie anche alla propria capacità di rinnovarsi, mantenendo così elevati standard di produttività scientifica e di formazione di capitale intellettuale altamente qualificato, non deve far perdere di vista i guasti che inesorabilmente si stanno producendo a causa dei tagli: diminuzione e invecchiamento degli organici per l’impossibilità di reclutare nuove leve, impoverimento dei servizi, minore competitività coi sistemi universitari più avanzati”.

Cristiana Compagno

Poi il vanto delle eccellenze: “Crediamo – scrive il comunicato – che un trend di questo tipo debba ancor più preoccupare in una Regione, come la nostra, caratterizzata da una rete di strutture scientifiche e di alta formazione senza uguali nel Paese: un patrimonio potenzialmente capace (non diversamente da quanto si sta praticando nei modelli più avanzati), di restituire sviluppo al territorio e alla comunità nazionale, quale migliore antidoto alla recessione in atto“.

Guido Martinelli

Alla vigilia di decisivi passaggi elettorali, nazionali e regionali, il trio chiede ai candidati delle diverse formazioni politiche di impegnarsi, ove eletti, a contribuire a un’inversione di rotta: tuonano: “università e ricerca entrino finalmente – e non solo a parole – nelle priorità strategiche dell’Italia e del Friuli Venezia Giulia”, il che fa presupporre che i capostipiti del mondo accademico regionale siano dell’idea che fin’ora in Italia è accaduto l’esatto contrario.

Commenti Facebook

About the Author:

Per otto ore al giorno fa il giornalista a TV Capodistria, nelle rimanenti fa il formatore a RadioInCorso. È appassionato di informatica, ma spesso desiste dinnanzi ai rebus che i computer gli riservano.