3600 secondi – Ci penserà poi il computer…

Anno domini 2018: alzi la mano chi non possiede un computer. Se ve lo state chiedendo: sì, lo smartphone conta come tale. Potremmo dedicare un ciclo di puntate alla velocità a cui si sviluppano le tecnologie informatiche, a quanto rapidamente aumenta la capacità che abbiamo di processare dati ed ottenere informazioni o al fatto che un “vecchio” iPhone potrebbe tranquillamente guidare l’Apollo sulla Luna.  Vogliamo invece raccontare di un personaggio che è stato fondamentale per tutto questo: l’inventore del computer come noi lo concepiamo.

A 3600 secondi parleremo di John von Neumann e l’invenzione dei computer moderni. Appuntamento mercoledì alle 20, per un ora dedicata a un personaggio poliedrico: a lui si devono contributi fondamentali in numerosi campi come la teoria degli insiemi, l’analisi funzionale, topologia, fisica quantistica, economia, informatica, teoria dei giochi, fluidodinamica e in molti altri settori della matematica. Un guerrafondaio convinto (non si vergognò di esternare il suo odio per i Nazisti prima e per l’Unione Sovietica poi), che quando non giocava con gli atomi, studiava i primi modelli di calcolatori automatici. Questa sua curiosità lo portò nel 1949, preso spunto dalla macchina di Touring del ’36, a costruire EDVAC: il padre di ogni calcolatore moderno.

Commenti Facebook
By | 2018-06-19T16:14:05+00:00 12/06/2018|Categories: Focus On - archivio|Tags: , , , , , , |Commenti disabilitati su 3600 secondi – Ci penserà poi il computer…

About the Author: