4X4 al Teatro Rossetti

Il festival TS Danza 2.0 promosso dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia prosegue il 22 e 23 marzo intrecciando danza e giocoleria nello spettacolo 4X4 ideato e diretto da Sean Gandini. In scena quattro giocolieri della Gandini Juggling e quattro danzatori che si muoveranno sulle coreografie di Ludovic Ondiviela del Royal Ballet.

Era appena un bambino, Sean Gandini, quando già mostrava con decisione la sua vena fantasiosa, e la sua passione per la matematica e la magia: possono convergere tali linee in un unico profilo professionale e artistico? A guardare ciò che questo genio della giocoleria ha creato fino ad oggi, la risposta è certamente sì.
Ne è un esempio 4×4 che la Gandini Juggling porta al Politeama Rossetti nell’ambito della rassegna TSDanza 2.0 promossa dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. La Gandini Juggling – questo il nome della compagnia – è stata creata nel 1992 dallo stesso Sean Gandini con Kati Ylä-Hokkala, entrambi giocolieri di fama internazionale. Da allora il gruppo è all’avanguardia nel mondo del circo contemporaneo (da questo punto di vista è anche molto attivo nella formazione della prossima generazione di artisti circensi), ha reinventato e rigenerato l’arte della giocoleria attraverso linguaggi e forme adatte alla contemporaneità e celebrandola in tutte le sue sfaccettature, costantemente teso nell’intento di esplorare non solo ciò che la giocoleria è, ma anche ciò che può essere e diventare. È da leggere in questa chiave 4×4. Sinuosamente intreccia la vena di teatro-circo – che in questa stagione attraversa l’intera programmazione dello Stabile regionale – alla danza contemporanea. Una cifra che non stupisce se si pensa che i virtuosi componenti di Gandini Juggling sono continuamente impegnati in una fitta produzione di spettacoli in continua evoluzione: eleganti duetti o performance corali da 20 giocolieri, sperimentazioni di arte visiva o show di intrattenimento per i più piccoli e le famiglie. Il fondatore, poi collabora di norma con coreografi, programmatori di computer, costumisti, designers, matematici, compositori, orchestre sinfoniche. Allora perché non tentare una contaminazione con la danza?

Commenti Facebook
By | 2016-03-21T09:37:17+00:00 21/03/2016|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.