83-58 per l'Italia di Pianigiani contro la Bielorussia

Si conclude con la vittoria dell’Italia di mister Pianigiani, il girone di qualificazione degli Europei di Pallacanestro che si terranno in Slovenia dal 4 al 22 settembre 2013, che ha visto gli azzurri protagonisti per due volte sul parquet del Palatrieste, con un palazzetto che non delude le aspettative e conta poco meno di 5000 biglietti venduti nonostante che la qualificazione fosse già stata raggiunta con la vittoria in Turchia (82-83 in favore dell’Italia) di pochi giorni fa.
Un’Italia che fa sua la partita fin dall’inizio e che chiude con un parziale di 83-58 che sottolinea la supremazia italiana sul campo, supremazia dominata dallo show di Gallinari, che chiude l’incontro con 16 punti e dodici rimbalzi facendo saltare di gioia tutto il palazzetto a cui Danilo regala il pallone dell’incontro.
“Congratulazioni per l’Italia, – commenta il coach bielorusso alla fine dell’incontro – una buona squadra che può raggiungere la cima in Europa. Noi abbiamo giocato molto bene e abbiamo segnato alcuni punti. Non siamo riusciti a vincere contro l’Italia questa notte”.
Entusiasta coach Pianigiani alla fine della partita: “Volevamo fortemente questo Europeo e nessuno all’inizio avrebbe scommesso sul nostro en plein. Per fare qualcosa di positivo nella pallacanestro che si gioca oggi in Europa c’è bisogno del grande lavoro di giocatori e staff. Ringrazio tutti i ragazzi per il contributo che hanno dato in campo e ringrazio la squadra intorno alla squadra: tutte persone che è giusto che gioiscano per questo successo. E’ stata un’estate non banale, i giocatori hanno vissuto un’esperienza unica e stanno imparando anche a vincere. Credo sia stato un bellissimo spot per la nostra pallacanestro e io sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra e di questo staff”.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:16:21+00:00 08/09/2012|Categories: Sport|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.