A Trieste la FAI Marathon ripercorre gli anni ’30

Domenica 20 ottobre 2013 torna anche a Trieste, slittata di una settimana rispetto alle altre “maratone” italiane per evitare la concomitanza con la Barcolana, la seconda edizione della “FAIMARATHON – Con Il Gioco del Lotto e il FAI, l’unica maratona che si corre con gli occhi”, una passeggiata non competitiva alla riscoperta di luoghi di interesse artistico, paesaggistico e sociale. Luoghi che a volte trascuriamo, perché fanno da sfondo alla nostra frenetica vita quotidiana. Un evento nazionale di raccolta fondi a sostegno della campagna “Ricordati di salvare l’Italia” in programma dal 7 al 27 ottobre 2013, realizzato in 90 città italiane grazie alla partnership con Il Gioco del Lotto e al supporto di più di 2.000 volontari FAI.

La FAIMARATHON si terrà a Trieste il 20 ottobre.

La FAIMARATHON, organizzata a Trieste dal Gruppo FAI Giovani del FVG, è una “maratona culturale” a tappe, adatta a persone di tutte le età, nata con l’intento di far riscoprire agli italiani, attraverso itinerari interessanti e curiosi, quanti sorprendenti tesori si nascondono tra i luoghi della loro vita quotidiana. Le tappe toccate nei diversi itinerari urbani ed extraurbani comprendono luoghi di interesse artistico, paesaggistico e sociale che rappresentano l’identità del territorio, la sua storia, le sue tradizioni: dai palazzi ai negozi storici, dai teatri ai cortili, dalle chiese alle piazze, dai vicoli ai giardini, frammenti di città che fanno parte della nostra vita, spesso troppo frenetica per permetterci di conoscere veramente ciò che ci circonda. Itinerari che verranno illustrati ai partecipanti con una scheda sintetica nelle varie tappe del percorso indicate su una piantina. Una giornata per mettere a disposizione di tutti non solo la bellezza ma anche la possibilità di un arricchimento interiore e per coinvolgere il maggior numero di persone nella tutela del nostro patrimonio e nel sostegno alle attività del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

A Trieste l’iniziativa andrà alla scoperta della Trieste anni ’30, tra architettura e arte. Avrà inizio alle ore 11 di domenica 20 ottobre 2013 da Largo Granatieri (dietro Piazza Unità). Alla partenza a tutti i partecipanti, fino a esaurimento disponibilità, verrà consegnato un kit che comprende: uno zaino, una pettorina, l’itinerario della maratona, una cartolina per segnare le tappe effettuate, un biglietto d’ingresso omaggio in uno dei Beni del FAI e un adesivo a sostegno della campagna “Ricordati di salvare l’Italia”. Un itinerario durante il quale i partecipanti potranno conoscere meglio le vicende urbanistiche della città, che in quegli anni vive profonde trasformazioni. Tra il 1925 e il 1940, si assiste al ridisegno di intere parti della città riconoscibili ancora oggi sia per l’impostazione a scala urbana sia per l’omogeneità delle caratteristiche architettoniche. Un grande fervore costruttivo caratterizza quegli anni: dagli sventramenti del quartiere di Cavana alla costruzione dei nuovi quartieri residenziali – il quartiere Oberdan, le Piazze Carlo Alberto e dell’Impero (oggi Largo Barriera), i Viali Regina Elena (oggi Viale Miramare) e Sonnino (oggi Viale D’Annunzio) – dalla realizzazione dei rioni periferici alla demolizione di interi quartieri considerati vecchi e malsani.

Chi completerà la maratona con tutti i bollini delle dieci tappe, riceverà un originale magnete da collezione, simbolo dell’impegno a favore del patrimonio culturale del nostro Paese e del FAI. Inoltre quest’anno sarà assegnato un premio al gruppo più numeroso. Per accedere a tale premio è importante che all’atto dell’iscrizione, in uno qualsiasi dei luoghi sotto indicati, chi si iscrive lasci il nome del suo gruppo.

 

Commenti Facebook
By | 2017-02-12T16:30:25+00:00 10/10/2013|Categories: Cultura e spettacoli|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Enrico Matzeu
Direttore artistico di Taglia Corti. Scrive di moda, costume, design e tv per molte testate on-line e commenta la televisione ogni sabato su Rai Tre a TvTalk.