On Air

Current track
Title
Artist

Current show

Current show


Al Rossetti si parla di mafia con Dopo il Silenzio

Written by on 26 marzo 2014

Sebastiano Lo Monaco propone un nuovo spettacolo ispirato a testi di Pietro Grasso, dopo il grande successo di Per non morire di mafia. Diretto da Alessio Pizzech è in scena al Teatro Stabile il 26 e il 27 marzo Dopo il silenzio, in cui l’attore è protagonista assieme a Mariangela D’Abbraccio. Completa il cast Turi Morricca.

 

Sebastiano Lo Monaco.

«Uno spettacolo che nasce dal libro di Pietro Grasso Liberi tutti, nasce da una letteratura e da contenuti alti, importanti: è grande teatro civile. Ma grazie all’apporto di Francesco Niccolini (un autore interessante, che ha collaborato a diversi testi di Marco Paolini, fra l’altro) e a quello di Margherita Rubino che ha preso parte alla scrittura anche del precedente nostro spettacolo su Grasso, Dopo il silenzio è diventato anche un lavoro di grande drammaturgia». Sebastiano Lo Monaco presenta con passione il lavoro che lo riporta a Trieste, nuovamente – dopo il deciso successo del monologo Per non morire di mafia – con un tema coraggioso e attuale.

In scena con Sebastiano Lo Monaco, apprezzeremo Mariangela D’Abbraccio e Turi Moricca, che danno vita ai profili dei personaggi che popolano questo capitolo dell’epopea sulla mafia di Pietro Grasso. Lo sguardo dell’autore si concentra questa volta, molto sul “privato” I tre interpreti dunque divengono strumento – attraverso la parola teatrale – di indagine di una Storia collettiva, italiana, che coincide, talora si scontra, diverge, per poi trovare altri punti di contatto con quella della mafia, con i suoi addentellati politico-economici, con il suo ribaltamento di valori che, pericolosissimo, sta trovando terreno sempre più fertile e vasto in un mondo imbarbarito nei costumi e nella vita pubblica: un mondo assetato di esempi positivi, bisognoso più che mai modelli validi a cui ispirare la propria condotta ed il proprio agire. Significativo da questo punto di vista, che lo spettacolo proponga anche un confronto generazionale, aspiri a un dialogo fra esse, espressione del dovere che Pietro Grasso si dà di parlare, far conoscere soprattutto ai giovani, il passato nonché i malati meccanismi mafiosi ancora in atto. Per questo il titolo allude a un “dopo” il silenzio: negare il silenzio, opporsi al silenzio omertoso, e “dopo”, guardare al futuro.

Commenti Facebook

Reader's opinions

Leave a Reply