Amazon cede: basta al commercio della balena

Una baleniera

Erano 147 i prodotti che le associazioni animaliste avevano individuato nel negozio online di Amazon: curry, bacon, stufato e hamburger in scatola, tutto prodotto con la carne di balena, animali a rischio di estinzione, e disponibile sul sito giapponese del colosso americano. Questo comportamento secondo  Clare Perry dell’EIA (Environmental Investigation Agency) sostiene la caccia alle balene, ha infatti affermato che “permettendo ai venditori di commerciare prodotti a base di balena di fatto si sostiene un mercato che dovrebbe essere stato già consegnato ai libri i storia.” E’ giusto ricordare che c’è una moratoria internazionale che vieta la caccia a questi cetacei, non a caso ad accettare questo tipo di merce è l’Amazon nipponico.
Con una raccolta di firme, e la mobilitazione di utenti di tutto il mondo su i più conosciuti social network EIA ha iniziato una campagna di sensibilizzazione e protesta via WEB, che chiedeva agli interessati di diffondere la notizia e di manifestare dissenso ad Amazon, ricordando come la sua stessa politica impedisca la vendita dei prodotti in esame. In meno di 24 ore la campagna ha raccolto più di 35.000 aderenti, che hanno riempito il sito di e-commerce con messaggi di critica. La prima a cedere è stata la sezione giapponese di Amazon, la cui messa in vendita di balena in scatola era ritenuta particolarmente oltraggiosa. Poi, lo stesso Jeff Bezos, direttore amministrativo del portale è intervenuto per bloccare la vendita, probabilmente ritenendo il danno d’immagine superiore al ricavato della vendita dei prodotti.

Visto il risultato raggiunto i portavoce EIA hanno affermato di essere soddisfatti della decisione di Amazon, “ma adesso chiediamo con forza che vengano messi al bando in tutto il mondo anche i prodotti che contengono carne di delfino e focene. Non ci arrenderemo fino a quanto non avremo un impegno formale da parte di Amazon a mettere al bando questi prodotti.”

Commenti Facebook
By | 2012-02-28T16:50:48+00:00 28/02/2012|Categories: Mondo|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa