Anche gli Erasmus vogliono votare

Parte da ESN Italia il progetto “#Generazione Senza Voto”, ovvero quello che riguarda il diritto di voto per gli studenti in mobilità. 50.000 firme è l’obiettivo che si pone la Rete Italiana di associazioni universitarie per poter permettere al progetto di diventare una vera e propria proposta di legge. Ai nostri microfoni ce ne ha parlato il Presidente di ESN Trieste, Lorenzo Fogar.

Lorenzo, cos’è ESN e cosa propone con il progetto “#Generazione Senza Voto”?
ESN sta per Erasmus Student Network. È una rete di associazioni presenti in tutta Europa, 50 sezioni locali solo in Italia che si muovono in modo comune e con lo stesso modus operandi. ESN si occupa di aiutare gli studenti in mobilità internazionale durante il loro periodo di studio all’estero.
Quest’anno la sezione italiana ha lanciato questo progetto per permettere agli studenti italiani, che si trovano all’estero grazie all’Erasmus o per progetti di ricerca, di votare durante la loro permanenza nel paese ospitante. Infatti studenti e ricercatori non hanno la possibilità, risiedendo per un breve periodo in un paese straniero, di ricevere la residenza del paese di permanenza.  Per questo sono costretti a tornare in Italia per poter votare. Molti di loro, tuttavia, decidono di non votare, rinunciando ad un loro diritto. Il progetto nasce dalla necessità di colmare questa mancanza.

17gennaio

Quali sono i procedimenti per poter partecipare alla raccolta firme?
Siamo attivi nei comuni delle sezioni locali. Per poter contribuire basta recarsi nel proprio comune di residenza, richiedere il foglio inerente al progetto ESN Italia e apporre la propria firma.
In tutta Italia è possibile firmare. Sul sito di ESN Italia esiste una pagina con la mappa di tutti i comuni attivi per la raccolta firme.
Oltre alla possibilità di recarsi in Comune, ESN Italia organizza eventi nelle città facenti parte dell’associazione, durante i quali è possibile rivolgersi direttamente ai membri di ESN e dare il proprio contributo.

Avete incontrato ostacoli durante la preparazione del progetto?
Al contrario, un grande aiuto ci è stato dato dall’Università, che ha appoggiato come sempre anche questo progetto, ci ha dato da subito i permessi per la sistemazione dei banchetti e ci ha sostenuto fin dall’inizio. Stiamo collaborando molto bene, quindi è anche grazie all’Università che il progetto può andare avanti e sperare di diventare una proposta di legge.

Erasmus Student Network (ESN) è una delle associazioni giovanili più diffuse in Europa, con 50 sezioni presenti in 43 città italiane e circa 460 sezioni in 37 Paesi europei.
Con “Generazione Senza Voto” ESN Italia si sta impegnando “perché – si legge nel sito – la conquista della possibilità di studiare all’estero e l’essere cittadini europei non vadano a pregiudicare i diritti garantiti come cittadini italiani”.
La raccolta delle firme terminerà alla fine di febbraio 2015, quando le liste verranno depositate presso la Corte di Cassazione.

Commenti Facebook
By | 2015-01-15T23:48:26+00:00 15/01/2015|Categories: Magazine, Università|Tags: , , , |0 Comments

About the Author: