Anno Accademico 2013/14, inaugurazione in grande stile

Cerimonia in grande stile, ospiti illustri, e un fervente entusiasmo generale hanno accompagnato ieri, nella rinnovata Aula Magna dell’Università, le celebrazioni per l’inaugurazione dell’anno accademico 2013/2014. Ḕ il novantesimo per il nostro ateneo e per un traguardo così importante anche gli ospiti erano d’eccezione, come ricordato dal Rettore nel suo discorso di apertura.

Un discorso importante, quello del Rettore Maurizio Fermeglia, che snodando le sue tesi attraverso citazioni che partono da Tito Livio giungendo fino ad Obama, sottolinea come la cultura sia in rapporto quasi identitario con il progresso,conferendo importanza al ruolo dell’università nella società italiana in primis, nella città di Trieste in secondi, sottolineando il rapporto di necessaria compenetrazione fra ateneo e città: un’universita della città, una città per l’università.

Continuando poi complimentandosi per l’eccellente livello raggiunto dalla nostra università e per le collaborazioni con gli atenei più vicini, in primis UniUD e Sissa, ricordando la sempre più importante aspirazione internazionalizzante dell’Università di Trieste, giunge al vero punctum dolens del dibattito sulle università italiane: la carenza di fondi e risorse
“L’Università di Trieste non è esente da questo andamento ed ha registrato una diminuzione di fondi e un calo del personale di rilevante entità”, dice il rettore, auspicando però per il nuovo anno accademico proficuità ed eccellenza, che da sempre peraltro contraddistinguono il nostro ateneo.

Si sono susseguiti nelle relazioni ad un’affollata udienza, Il presidente della regione FVG Debora Serracchiani,che ha elogiato l’ateneo e la spiccata internazionalità, la collaborazione con gli altri atenei regionali, anche e soprattutto in un’ottica di federativismo universitario, che, dice il presidente, verrà sicuramente apprezzato e finanziato adeguatamente dalle casse della nostra regione.

La presidente Serracchiani ed il ministro Carrozza.

Ottimisti sono stati anche il ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Maria Grazia Carrozza ed il presidente della Conferenza Dei Rettori delle Università Italiane, Magnifico Rettore Stefano Paleari.

Sono intervenute nel corso della cerimonia anche la rappresentante del personale amministrativo, e il presidente del consiglio degli studenti Letizia Capitanio, che con un amaro quanto significativo discorso ha sottolineato la centralità degli studenti nelle istituzioni universitarie, accompagnata da una singolare quanto simbolica,alzata in piedi di tutti i rappresentanti degli studenti, durante il proprio intervento.

Infine, in seguito alla solenne  dichiarazione di apertura dell’anno accademico, ha preso la parola il Prof. Dott. Giannino Del Sal, ordinario di Biologia applicata, conducendo una prolusione sull’impegnativo tema: “L’integrazione di approcci nelle grandi sfide sanitarie, il problema cancro.

Ottimismo e celebrazione dell’eccellenza sono state dunque le direttrici in questa cerimonia di inaugurazione, intervallata dai brani eseguiti dal coro dell’Università. E allora che questo anno accademico sia all’altezza delle aspettative, nel novantesimo anniversario dalla fondazione dell’Università degli Studi di Trieste.

Commenti Facebook

About the Author:

Giacomo Marzolini
Giurista in itinere all’Università Di Trieste. Sono quello che in puntata fa partire l’ultima di Calvin Harris e poi parla della crisi in Siria. Scrivo di attualità politica, digitale, tendenze del web. Cerco di essere una bella persona.