Antiossidanti possibili acceleratori nei tumori

Siamo stati abituati a pensare che gli antiossidanti, come le vitamine, possano proteggere il nostro organismo da danni cellulari, in particolar modo da danni al DNA. Ed effettivamente il ruolo di questi composti, che consumiamo giornalmente, è quello di impedire che i radicali liberi dentro la cellula, possano recare danni a strutture sub-molecolari presenti al suo interno. Possiamo paragonare un antiossidante a una sorta di “airbag” in grado di proteggerci da “urti” destabilizzanti.

Cibi contenenti Vitamina E

Un recente studio, pubblicato ieri sulla rivista scientifica Science Translational Medicine, sembrerebbe affermare che due antiossidanti, comunemente utilizzati come la Vitamina E e la N-acetilcisteina (NAC), accelerino la crescita del cancro se presi in quantità eccessive, allarmando, quindi, l’11% di statunitensi che ogni giorno ne fa abuso.

Sono studi che devono ancora essere vagliati e verificati fino in fondo ma i primi risultati non si possono sottovalutare.

Gli esperimenti effettuati su topi affetti da tumore, ai quali sono state somministrate dosi di Vitamina E e NAC 50 volte maggiori rispetto alla normalità, hanno dimostrato un aumento della velocità di insorgenza di quest’ultimo. Sia nei topi, che in colture cellulari umane, questi antiossidanti sembrerebbero proteggere le cellule tumorali avendo su di esse un effetto pro-tumore.

«Il nostro studio non dice nulla su come l’eccesso di antiossidanti influenzi il rischio di cancro in persone apparentemente sane» afferma Per Lindahl, biologo molecolare presso l’Università di Göteborg. Nello studio i geni che hanno innescato i tumori nei topi erano stati già attivati quando gli antiossidanti sono stati aggiunti nella dieta. Peng Huang, ricercatore presso l’Università del Texas MD Anderson Cancer Center di Houston, conclude spiegando in maniera sintetica lo studio: «Gli antiossidanti possono aiutare a prevenire la formazione di tumori, ma una volta che i tumori sono lì, gli integratori potrebbero essere dannosi».

Commenti Facebook
By | 2014-01-30T12:24:41+00:00 30/01/2014|Categories: Scienza&Ricerca, Università|Tags: , , |0 Comments

About the Author: