Antonio Albanese in autunno farà ridere il Fvg

Antonio Albanese, artista fra i più amati dal pubblico italiano, capace di spaziare dal teatro alla televisione, passando per il cabaret e il cinema, sempre con eccellenti risultati, annuncia oggi il suo ritorno a grande richiesta in Friuli Venezia Giulia per due imperdibili tappe del suo spettacolo Personaggi, fortunatissimo show che si ripresenta in versione rinnovata e arricchita. Ad ospitare il talento di Albanese saranno i teatri più rappresentativi della nostra Regione: il Politeama Rossetti di Trieste il prossimo 27 ottobre, e il Teatro Nuovo Giovanni da Udine di Udine il 28 ottobre, appuntamenti che vedono l’organizzate del Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e del Teatro Nuovo Giovanni da Udine, in collaborazione con Azalea Promotion e i Comuni di Trieste e Udine. I biglietti per entrambi gli spettacoli, inseriti nel pacchetto “Music&Live” dell’Agenzia TurismoFVG, saranno in vendita a partire dalle 10.00di giovedì 10 luglio online su Ticketone.it e VivaTicket.it, nei punti autorizzati Azalea Promotion, alla biglietteria del Politeama Rossetti e prossimamente anche in quelle del Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

L’attore Antonio Albanese.

Il fortunato spettacolo Personaggi nel corso del tempo si arricchisce delle nuove maschere create da Antonio Albanese, divenendo la summa dei suoi spettacoli teatrali. Che cosa hanno in comune i mille volti con i quali Antonio Albanese racconta il presente? L’umanità. La realtà diventa teatro attraverso EpifanioL’Ottimista, il SommelierCetto La QualunqueAlex Drastico e Perego, maschere e insieme prototipi della nostra società, visi conosciuti che si ritrovano nel vicino di casa, nell’amico del cuore, in noi stessi. Lo spettacolo “Personaggi” riunisce alcuni tra i volti creati da Antonio Albanese: dall’immigrato che non riesce a inserirsi al Nord, all’imprenditore che lavora 16 ore al giorno, dal sommelier serafico nel decantare il vino, al candidato politico poco onesto, dal visionario Ottimista “abitante di un mondo perfetto” al tenero Epifanio e i suoi sogni internazionali. Personaggi appunto che in questi anni abbiamo imparato a conoscere e ad amare, dove la nevrosi, l’alienazione, il soliloquio nei rapporti umani e lo scardinamento affettivo della famiglia, l’ottimismo insensato e il vuoto ideologico contribuiscono a tessere la trama scritta da Michele Serra e dallo stesso Antonio Albanese. In scena uomini del Sud e del Nord, uomini alti e bassi, grassi e magri, ricchi e poveri, ottimisti e qualunquisti. Maschere irriverenti e grottesche specchio di una realtà guardata con occhio attento a carpirne i difetti, le abitudini e i tic. Una galleria di anti-eroi che svelano un mondo fatto di ossessioni, paure, deliri di onnipotenza e scorciatoie, ma dove alla fine anche la poesia trova posto. Un recital che racconta, con corrosiva comicità e ritmo serrato, un mondo popolato da personaggi tipici del nostro tempo, dal pensiero contemporaneo interpretato con dirompente fisicità. “Vorrei che dopo un mio spettacolo tutti si sentissero un po’ meno soli, un po’ più allegri, un po’ più forti, vorrei abbracciarli tutti. La risata è un abbraccio, un bisogno che ci sarà sempre“. Con queste parole l’artista descrive questo nuovo capitolo della sua carriera, che lo porterà presto in Friuli Venezia Giulia con due spettacoli nei maggiori teatri della regione.

Commenti Facebook

About the Author:

Enrico Matzeu
Direttore artistico di Taglia Corti. Scrive di moda, costume, design e tv per molte testate on-line e commenta la televisione ogni sabato su Rai Tre a TvTalk.