Art Garfunkel “In Close Up”

Ieri sera al Politeama Rossetti di Trieste è andato in scena il concerto “In Close Up” di Art Garfunkel, prima delle quattro date del tour italiano del cantautore newyorkese. L’artista, accompagnato sul palco da musicisti del calibro del chitarrista Tab Laven e del tastierista Cliff Carter, si è esibito in un recital intimo, in cui la sua voce ormai spezzata è riuscita comunque a interpretare magistralmente melodie sempre dolcissime che ben si sposavano con il cielo sereno coperto da qualche nuvola dipinto sulla volta del teatro.

Concerto Garfunkel 1Durante lo spettacolo il cantautore ha interpretato principalmente brani risalenti alla sua collaborazione con Paul Simon, inframmezzati da alcune sue composizioni da solista e alcuni tributi ad artisti da lui particolarmente stimati come Randy Newman (Real Emotional Girl) e Phil Everly, scomparso da poco, e a un grande della musica come George Gershwin (Someone to Watch Over Me). Nella seconda parte dello spettacolo, Garfunkel ha recitato alcuni passi della sua prossima biografia, tradotti sul palco da un attore con cui ha dato vita ad un simpatico siparietto. Il cantautore ha poi interpretato qualche strofa di un canto ebraico e ha chiuso il concerto con la sua versione in musica di una preghiera tradizionale solitamente cantata dai bambini prima di andare a letto (Now I Lay Me Down to Sleep), con cui ha ringraziato l’Altissimo per il dono della sua voce.

Concerto Garfunkel 2Tra i brani più famosi interpretati durante lo spettacolo e ascrivibili al duo Simon & Garfunkel, particolarmente degni di nota sono stati April Come She Will e The Boxer, brani con cui ha aperto il concerto, Scarborough Fair, Homeward Bound (in cui ha inserito la città di Trieste tra i luoghi visitati elencati nella canzone), For Emiliy Whenever I Will Find Her, Kathy’s Song, un’energica versione di The Sound of Silence e la splendida Bridge Over Troubled Water, cantata da lui in qualità di voce principale già ai tempi del duo e interpretata magistralmente ancora oggi, malgrado un grave problema alle corde vocali lo abbia recentemente tenuto lontano dalle scene per diversi anni.

Durante lo spettacolo il cantautore non ha mancato più volte di ringraziare Paul Simon per le sue abilità di autore (cantando The Side of a Hill) e, pur includendo tra i suoi autori preferiti anche Jimmy Webb, Randy Newman e James Taylor, che per lui sarebbe dovuto essere il presidente degli Stati Uniti, ha legittimamente fatto notare come anche lui abbia scritto qualche bella canzone di suo pugno, portando sulla scena Perfect Moment e Bright Eyes.

Lo spettacolo, durato un’ora e mezza circa, ha presentato la seguente scaletta:

1. April Come She Will
2. The Boxer
3. Perfect Moment
4. E Heart in New York
5. 99 Miles from LA
6. A Poem on the Underground Wall
7. Scarborough Fair
8. The Side of a Hill
9. Homeward Bound
10. Someone to Watch Over Me
11. Real Emotional Girl
12. For Emily, Whenever I may Find Her
13. Bright Eyes
14. Sound of Silence
15. Kathy’s Song
16. Bridge Over Troubled Water
17. Now I Lay Me Down to Sleep

Art Garfunkel proseguirà il suo tour in Italia suonando il 15 febbraio a Milano, il 16 a Padova e il 18 a Roma.

Commenti Facebook
By | 2017-04-09T12:15:00+00:00 14/02/2017|Categories: Musica leggera|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Traduttore (di Football Manager, ma anche di cose più serie), germanista, ex scout (ma "scout una volta, scout per sempre"), ama guidare l'auto ma anche spostarsi in bicicletta e fare trekking in montagna. Appassionato di astronomia, calcio, formula 1 e soprattutto di musica. Per radioincorso.it conduce Tribute, cura maniacalmente la scelta musicale dei programmi che lo vedono in conduzione, ha un debole per i programmi tematici e recensisce concerti, ma dei gruppi che piacciono a lui perché il suo motto è #SomeSongsAreBiggerThanOthers