Artemisia Gentileschi al Politeama Rossetti

Lo scorso novembre ha segnato una serie di tutto esaurito Artemisia Gentileschi, piéce scritta e diretta da Lino Marrazzo, con Fulvio Falzarano e Silvia Siravo. Prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, lo spettacolo viene riproposto dall’8 al 12 aprile. Nata nel 1593, Artemisia rimane orfana di madre e cresce con il padre pittore che la avvia all’arte sotto influenze caravaggesche. Mostra un talento immediato e potente, ma si scontra con i limiti della condizione femminile di allora. Di lei non si conosce molto altro, se non le note di uno scarno diario, la sua pittura, gli atti di un doloroso processo per lo stupro subito da un pittore amico del padre, il quale a propria volta le riserva morbose attenzioni. Proprio questo rapporto padre-figlia, pieno di chiaroscuri, ha sollecitato la fantasia di Lino Marrazzo, cui si deve uno spettacolo ricco di tensioni emotive e di input attuali, costruito sul vivido confronto psicologico fra un’appassionata Artemisia, interpretata da Silvia Siravo, e suo padre, a cui Fulvio Falzarano saprà donare luci e ombre, tratti duri e dissoluti.  In occasione di Artemisia Gentileschi, l’atrio della Sala Bartoli ospiterà una piccola esposizione fotografica legata al tema dello spettacolo, con scatti della fotografa Rita Badalucco che ha curato anche le immagini di scena.

Commenti Facebook

About the Author:

Da sempre ho manifestato una forte propensione per la scrittura, una passione che mi ha portato ad iscrivermi al corso di laurea in scienze della comunicazione, in vista di una futura specializzazione nel ramo giornalistico. Appassionata di moda, sogno di scrivere per un’importante rivista.