Cannes 2013, il cinema si fa imprevedibile

Locandina del film di Nicolas Winding Refn.

Manca solo una settimana alla 66esima edizione del Festival del Cinema di Cannes e i film in concorso fanno già parlare di loro.
Tra le file degli eletti figurano quelli che un po’ tutti si aspettavano di vedere, come ad esempio “Only God Forgives”, che, dopo la riuscitissima impresa di “Drive”, mette insieme ancora una volta il regista danese Nicolas Winding Refn e l’attore adorato dai cinemaniaci e, ammettiamolo, anche da un numeroso pubblico femminile, Ryan Gosling. Il film sembra molto promettente, considerando anche che il trailer è disponibile su Youtube, ma richiede la maggiore età per essere visto.
Anche i fratelli Coen non mancano nella lista degli invitati della Croisette, attesi con il loro “Inside Llewyn Davis”, che usa echi degni de “Il grande Lebowsky” per parlare della musica folk degli anni ’60 a New York. Nel cast dei Coen figura anche la giovane Carey Mulligan, che ha dimostrato il suo talento in pellicole difficili come “Drive”, di cui sopra, e “Shame” di Steve McQueen. L’attrice, classe 1985, è anche la protagonista accanto a Leonardo Di Caprio del film d’apertura del Festival “Il grande Gatsby” di Baz Luhrmann, remake dell’omonima pellicola del 1974 che promette colori e scene ai limiti del surreale, stando ai particolari gusti del regista e che da sempre rendono i suoi film riconoscibili.

Forse uno dei prodotti più inaspettati ad essere in concorso è “Only Lovers Left Alive” , storia

Immagine tratta da “Only Lovers Left Alive”.

vampiresca dello statunitense Jim Jarmusch, riconosciuto come uno dei registi più rilevanti nel mondo della cinematografia indipendente d’oltreoceano grazie al suo “Coffee and Cigarettes”, in cui hanno recitato Tom Waits e Iggy Pop. Il ruolo dei protagonisti nel film di Jarmusch a Cannes è stato affidato alle sapienti mani di Tilda Swinton, fantastica in “…E ora parliamo di Kevin”, e Tom Hiddleston, attore inglese e dal talento versatile, capace di smettere velocemente i panni dell’ Enrico V di Shakespeare, per indossare quelli dark di Loki in “The Avengers”. Inizialmente “Only Lovers Left Alive” non figurava tra i nomi papabili, infatti non era stato nominato durante la conferenza ufficiale del 18 aprile. Il film è stato aggiunto in un secondo momento andando a chiudere definitivamente la lista dei ripescaggi.

 

Un’ inquadratura de “La Grande Bellezza” di Sorrentino.

Anche l’Italia è pronta a gareggiare. A rappresentare lo stivale ci sarà “Un Chateau En Italie” di Valeria Bruni-Tedeschi, storia quasi autobiografica delle sorelle Bruni, che decidono di espatriare dal loro paese natio durante gli anni di piombo, e “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino, in cui si affronta il male nella “Roma bene”.

Numerosi anche i film fuori concorso. Alcuni sono “The Bling Ring”, di Sofia Coppola, con Emma Watson nei panni di una teenager che, insieme alla sua gang di amici, si mette a derubare le case del firmamento hollywoodiano, e, sempre per l’Italia, classificato come degno di un certain regard, c’è “Miele”, di Valeria Golino.

Si prospetta dunque una gara interessante. Gli esiti del concorso sono stati perciò affidati a dei veri esperti

Il presidente di giuria Steven Spielberg.

del cinema. Il presidente di giuria sarà Steven Spielberg, reduce dell’ultimo successo agli Oscar 2013. Ad affiancarlo ci sarà un altro pluripremiato director, il cinese Ang Lee, che quest’anno si è aggiudicato l’ambita statuetta con “Vita di Pi”. Gli altri membri di giuria saranno l’attrice indiana Vidya Balan, la regista giapponese Naomi Kawase,  Nicole Kidman, la sceneggiatrice inglese Lynne Ramsay,  l’attore francese Daniel Auteuil, il regista e sceneggiatore dalla Romania Cristian Mungiu, e infine l’attore austriaco Christopher Waltz, attuale pupillo di Quentin Tarantino.

 

Commenti Facebook
By | 2013-05-08T08:59:50+00:00 08/05/2013|Categories: Cinema, Cultura e spettacoli|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.