Chieti suprema rimanda tutto a giovedì

Una gara tutta da rivedere quella di ieri sera a Chieti, dove la squdra di coach Dalmasson non riesce a vincere l’incontro e a fare il salto di qaulità in Lega Due. Un match tutto a favore dei padroni di casa che sono rimasti avanti per tutta la partita concludendo 75 a 53 e rimandando a giovedì in casa, alle ore 20.30, l’incontro decisivo per la promozione in lega superiore.
Chieti parte con lo stesso quintetto di gara 3 mentre l’Acegas deve rinunciare all’infortunato Mastrangelo sotituito da Teghini. Una gara poco esaltatnte sin dal primo quarto con le squadre che a metà sono in una situazione di parità (6-6), ma Chieti vuole vincere l’incontro per riportarsi in situazione di aprità per numero di partite vinte e potersi giocare il finale giovedì, e con un parziale di 11-4, chiude il quarto in vantaggio di sette punti (17-10).
Nel secondo quarto, Trieste sfiora la parità portandosi 20 a 16, prima e 22-18, dopo ma Rossi, lungo avversario, fa suo il quarto inizando una serie di canestri che porteranno la BLS ad un netto vantaggio e che costringe Dalmasson a chiamare minuto (26-18). Trieste continua a tentare da tre punti ma senza successo, sono poi i liberi di Carra e Ruzzier ad accorciare le distanze (26-21) ma Chieti inizia a macinare punti e con un break di 9-2 chiude 35-23.
La pausa lunga non porta consiglio a Trieste e i padroni di casa raggiungono il vantaggio di +16, arrivando persino a 18 (50-32). L’Acegas tenta di avvicinarsi agli avversari e compiere l’impresa come nella terza partita ma riesce ad avvinarsi solo di 13 punti (50-37), e in conclusione di tempo la distanza è dinuovo a 16 punti (55-39).
L’ultimo quarto segna il definitivo dominio dei padroni di casa che raggiungono anche i venti punti di distanza e con un indiavolato coach Dalmasson che permette a Teghini di esordire con la massima squadra.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:16:29+00:00 11/06/2012|Categories: Sport|0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.