Come viaggiano i giovani? Vacanze brevi in B&B

L’estate è sempre più vicina e si comincia a respirare aria di vacanza. Proporzionalmente al bel tempo cresce anche il desiderio di partire, ma come si può partire con quest’aria di crisi?
E’ ciò che si è chiesto anche il Cts, il Centro turistico studentesco, per un sondaggio riguardo il criterio di scelta della vacanza dei giovani studenti, squattrinati e non, nell’ambito del progetto Educa.Re, Educa Responsabile, insieme all’associazione Carta Giovani e cofinanziata dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il bed and breakfast è la sistemazione preferita dagli under 35.

Dai dati è emerso che sicuramente prima in classifica si pone la vacanza fai da te, raccogliendo tutte le informazioni necessarie via internet. Sono stati intervistati 306 ragazzi, dai 16 ai 35 anni, i quali hanno dichiarato di preferire per un 45% i viaggi di una settimana, contro le vacanze lunghe e i week end in trasferta, che hanno raggiunto il minor numero di preferenze.
La cosa fondamentale di cui i giovani viaggiatori tengono conto è l’immancabile rapporto qualità prezzo, favorendo nel 52% dei casi, bed&breakfast o affittacamere e nel 48% gli alberghi.
Il campione di intervistati ha ammesso di preferire i viaggi culturali, a cui seguono i cosiddetti viaggi educational, come stage di lavoro, ed infine i viaggi natura.

Ovviamente la qualità di un viaggio è determinata dalla compagnia, fatto che viene confermato nel sondaggio, in cui emerge l’interesse degli intervistati di viaggiare con persone con cui condividere gli stessi interessi.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:42:03+00:00 16/05/2013|Categories: Giovani e società, Mondo|Tags: , , , , , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.