Conservatorio Tartini, nonostante tutto

 

Si è presentato oggi al pubblico il nuovo anno accademico per il Conservatorio Tartini di Trieste. Il Conservatorio ha voluto ribadire anche quest’anno gli innumerevoli risultati che raddoppiano di valore se confrontati con le precarie condizioni nelle quali imperversano tutti gli istituti musicali nazionali. Fa pensare, infatti, il dato offerto dal direttore secondo il quale tutti ottanta i conservatori e istituti pareggiati in Italia ricevono insieme finanziamenti statali pari a quelli che riceve la sola università di Bologna. Una situazione per certi versi drammatica che spinge però a sforzarsi per fare il meglio anche grazie a contributi regionali e privati e che sottolinea come purtroppo la dedizione e la costanza vengano sempre meno incoraggiate dal punto di vista dell’istruzione in questo paese. Lo stesso presidente Mario Diego, infatti, si è detto immensamente rammaricato per le mancate potenzialità che questa realtà triestina non può offrire ai suoi studenti; mancate aule studio e adeguati spazi per la biblioteca e per i laboratori collettivi si stanno cercando di creare pur con i limitatissimi fondi a disposizione nonostante la nostra città possa comunque vantare uno dei 13 originari conservatori italiani.

Pur dovendo affrontare costantemente tutti questi limiti, le prospettive artistiche anche quest’anno saranno interessanti: oltre alla consueta rassegna dei Mercoledì del Conservatorio che partirà il prossimo febbraio e durerà per 14 incontri, il vicedirettore Roberto Turrin è stato felice di annunciare che il Tartini ha in programma anche la partecipazione all’Expo di Milano e uno scambio multiculturale a Praga. Verranno inoltre organizzati dei concerti per commemorare i compianti Marco Sofianopulo e Gianpaolo Coral e per l’anniversario della nascita di Ferruccio Busoni.

Commenti Facebook

About the Author:

Studia musica al Conservatorio Tartini e all'Università di Pavia e si rende conto che più si studia la musica meno ci si sente preparati a parlarne. Francamente non lo trova affatto giusto.