Continuano con Jean Decety i grandi incontri alla SISSA

Jean Decety

Oggi, giovedì 20 settembre, uno dei maggiori esperti mondiali sull’empatia, Jean Decety, terrà un’incontro alla SISSA per spiegare le origini biologiche di questa fondamentale abilità sociale. L’empatia, ossia la capacità di rispecchiarci nelle emozioni altrui e creare la coesione che sta alla base della nostra società, ha origine nel nostro cervello. Secondo la dichiarazione di Giorgia Silani, neuroscienziata della SISSA fra gli organizzatori della conferenza insieme a Raffaella Rumiati, professore alla SISSA, Decety è stato invitato poiché “anche alla SISSA si studiano le basi biologiche dell’empatia e il suo contributo in questo campo è fondamentale, siamo onorati che abbia accettato il nostro invito”, hanno precisato.

Durante l’incontro, il cui titolo è “Empathy and empathic concern – Evolution, neurobiological mechanism and implications in the practice of medicine”, Decety esporrà la sua tesi secondo cui nel nostro cervello esistono delle strutture, in grado di elaborare delle forme basilari di empatia, molto antiche connesse a meccanismi subcorticali e “subormonali” al nocciolo del nostro sistema nervoso. Queste strutture antiche deriverebbero da primordiali pressioni selettive associate a funzioni importantissime per noi esseri umani, come la comunicazione, la cura parentale e l’attaccamento sociale. È proprio da queste strutture base che poi deriverebbero forme anche molto complesse ed evolute di empatia.

Commenti Facebook
By | 2012-09-20T00:15:59+00:00 20/09/2012|Categories: Scienza&Ricerca|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa