Crediti formativi ECM per il convegno dell’AMeC

A seguito dell’edizione dello scorso anno che ha riscosso grande successo AMeC, Associazione Medicina e Complessità, è lieta di annunciare le date della seconda edizione del convegno La fisica comunica con la medicina, l’arte e la spiritualità. Gli incontri si terranno il 21 e 22 novembre  l’Aula Magna – 3° piano, ala destra, Edificio Centrale- dell’Università di Trieste.

Il convegno rientra nel progetto: Meravigliosa complessità! Trieste che durante tutto il 2015, in diverse fasi, ha promosso conferenze gratuite aperte al pubblico, corsi di formazione e seminari e un evento di due giorni svoltosi nel comprensorio di San Giovanni a Trieste nel giugno scorso. Il progetto nel suo complesso, in linea con tutti quelli proposti dalla fondazione di AMeC ad oggi, si basa sul principio che dalla reciproca comunicazione tra discipline di diverse origini storiche e culturali si sono spesso avuti importanti progressi per il genere umano.
Questo convegno conclusivo rappresenta il culmine del ciclo il cui motivo conduttore è la fisica nei suoi rapporti con altri settori della conoscenza, come indica il sottotitolo Armonia delle interazioni: si proporrà infatti una serie di incontri tra fisica, medicina e spiritualità ed arte visti come portatori di una visione inaspettata del mondo e delle sue proprietà. In particolare si discuteranno ipotesi di cura basate sull’analogia tra visione fisica e visione medica delle cellule organiche, ipotesi fisiche recentissime sulla nascita dell’Universo confrontate con antiche descrizioni filosofiche, connessioni tra arte musicale, arte fotografica e simmetrie fisiche, connessione tra armonia della Natura e benessere umano.

Il convegno, inoltre, dà diritto a 18,5 crediti ECM per ogni area specialistica medica e tutte le professioni sanitarie.

Commenti Facebook
By | 2015-11-17T12:37:37+00:00 18/11/2015|Categories: Magazine|Tags: , , , |Commenti disabilitati su Crediti formativi ECM per il convegno dell’AMeC

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.