Croazia: turisti molestano una foca monaca in via d'estinzione. 10 mila euro di multa

L’Istituto per la Ricerca e la salvaguardia del mare “Mondo blu” di Lussingrande ha fatto notare come un gruppo di turisti tedeschi abbiano molestato una foca monaca mediterranea, lanciandole una pietra. È successo sull’Isola di Cherso, nel Golfo del Quarnero, a sud della città croata di Fiume.

Nel filmato si vede benissimo come quattro uomini sulla spiaggetta spaventano l’animale, che fugge in mare. Secondo il quotidiano online Danas (Oggi), sarebbero turisti provenienti da un’imbarcazione battente bandiera tedesca.

Come comunica l’Istituto “Mondo blu”, dell’accaduto è stato tempestivamente avvisato il “Ente statale per la salvaguardia della natura”, che assieme al Ministero dell’Ambiente. In questo caso scatta, per legge, la multa per i turisti in questione potrebbe arrivare fino a 80 mila kune (pari a 10 mila e 600 euro).

Vogliamo ricordare ancora una volta – scrive un comunicato dell’Istituto “Plavi Svijet” (Mondo blu) – come la foca monaca mediterranea (Monachus monachus), sia la specie europea di foca più minacciata. Ci sono circa 500 esemplari viventi rimasti in due popolazioni: una nei territori del nordest del Mediterraneo (Grecia, Turchia, Cipro), mentre la seconda nel nordest dell’Oceano Altantico“.

Anche se fino agli anni ’60 era consueto trovarla nelle coste dell’Adriatico, dopo l’invasione edilizia, il braconaggio, e altri fattori, è scomparsa dalla zona. L’esemplare in questione – secondo i biologi marini – potrebbe essersi perso nuotando dietro ad una nave proveniente molto probabilmente dalla Grecia.

L’Istituto, infine, fa un appello a chiunque avvisti un qualsiasi esemplare di foca, chiedendo di avvisare subito i loro esperti. L’indirizzo del sito internet dell’Istituto è il seguente: www.blue-world.org.

Commenti Facebook
By | 2012-07-31T17:10:00+00:00 31/07/2012|Categories: Mondo|Tags: |0 Comments

About the Author:

Per otto ore al giorno fa il giornalista a TV Capodistria, nelle rimanenti fa il formatore a RadioInCorso. È appassionato di informatica, ma spesso desiste dinnanzi ai rebus che i computer gli riservano.