È tempo di…teatro!

Settembre è tornato e le porte dei teatri triestini sono pronte a spalancarsi per una nuova stagione di musica, prosa, danza, musical e molto altro. Ecco una piccola presentazione della stagione 2016/2017 con le proposte dei teatri cittadini:

TEATRO BOBBIO-LA CONTRADA
Il sipario della Contrada si apre con Pronto, mama?, spettacolo prodotto dalla compagnia del teatro, con il talento di una dei fondatori, Ariella Reggio, e con la regia del componente degli Oblivion Davide Calabrese. Seguono numerosi titoli, una trentina in totale, che spaziano dalla commedia classica, come La scuola delle mogli di Molière, a testi più contemporanei, come il capolavoro di Charlie Chaplin Luci della ribalta, passando per una delle opere più amate di Eduardo De Filippo: Natale in casa Cupiello.
Tra gli appuntamenti da ricordare, anche quello con L’allegra vedova. Café chantant, la celebre operetta interpretata interamente da una sola attrice, il musical ispirato all’omonimo film con Gene Kelly, Un americano a Parigi, e la versione rivisitata del romanzo di Louise M. Alcott Piccole donne messo in scena una compagnia di soli uomini: Piccole gonne.
Il cartellone completo all’indirizzo: http://www.contrada.it/

IL ROSSETTI
Nelle proposte di prosa del Rossetti troviamo i classici della storia del teatro, come Macbeth e Arlecchino il servitore di due padroni, testi contemporanei come Il deserto dei tartari e Morte di un commesso viaggiatore, così come spettacoli che portano in scena i grandi temi di attualità, quali l’accettazione sociale dell’omosessualità (The Pride) e gli scontri religiosi e socio-culturali dentro e fuori le aule nelle periferie delle grandi metropoli (L’ora di ricevimento).
La stagione dei musical parte con l’intramontabile Cabaret, seguito dal Rocky Horror Picture Show, che ritorna sul palco del Rossetti nella versione originale inglese dell’Ambassador Theatre Group, allestita in occasione del 40° anniversario dell’uscita del film. Seguono Evita, con Malika Ayane nei panni della carismatica attrice e politica argentina del primo novecento, e le (dis)avventure di Suor Maria Claretta con Sister Act.
Romeo e Giulietta apre le danze e lascia il palco ad alcune tra le più famose compagnie di danza al mondo: dagli Stati Uniti la Parson Dance Company e la Rioult Dance Company, da Parigi la Carolyn Carlson Company con Short stories, per citarne solo alcune. Tra gli altri appuntamenti da ricordare, quello con Roberto Bolle and Friends e gli altri percorsi, che propongono grandi storie come quella di Giorgio Perlasca (Il coraggio di dire no), il commerciante italiano che salvò la vita di cinquemila ebrei durante la seconda guerra mondiale, o quella della giornalista russa che ha pagato con la vita il suo impegno a favore dei diritti umani, Anna Politkovskaja (Donna non rieducabile).
Il cartellone completo all’indirizzo: http://www.ilrossetti.it/

rossetti-16_17
TEATRO LIRICO G.VERDI
Il Teatro Verdi apre la stagione sinfonica con brani di Felix Mendelssohn-Bartholdy e Gustav Mahler, diretti dal Maestro Gianluigi Gelmetti, e propone una serie di concerti che spaziano dal classicismo di Beethoven al romanticismo di Chopin, dalla suite Romeo e Giulietta di Prokof’ev, alle note di West Side Story di Bernstein.

A Novembre si passa il testimone alla lirica, con un’opera della cosiddetta “trilogia popolare” verdiana, Rigoletto, per continuare poi con uno dei classici di Mozart, Die Zauberflöte (Il flauto magico). Dagli acuti dell’aria della Regina della Notte si passa agli scioglilingua di Figaro “Largo al factotum” ne Il barbiere di Siviglia, l’opera di Rossini basata sull’omonima commedia settecentesca di Beaumarchais. Tra i grandi titoli anche Les pêcheurs de perles (I pescatori di perle) di Bizet, uno dei capolavori del romanticismo tedesco, il Tristan und Isolde (Tristano e Isotta) wagneriano, per terminare la stagione con la Tosca di Puccini.
Il cartellone completo all’indirizzo: http://www.teatroverdi-trieste.com/it/

TEATRO STABILE SLOVENO- SLOVENSKO STALNO GLEDALIŠČE
Il Teatro Stabile Sloveno propone numerosi spettacoli in lingua slovena con soprattitoli in italiano: Il giardino dei ciliegi, l’ultima opera dello scrittore e drammaturgo russo Anton Checov, Teorema, lo spettacolo basato sull’omonimo film di Pasolini e l’opera del teatro dell’assurdo di Eugène Ionesco La cantatrice calva. Infine, in coproduzione con il Rossetti, viene messo in scena Grozljiva Lepota (Paurosa Bellezza), testo dello scrittore e regista sloveno contemporaneo Marko Sosič che riprende le storie di alpinisti triestini e sloveni come Tiziana Weiss, Enzo Cozzolino, Jože Lipovec e Jože Cesar.
Il cartellone completo all’indirizzo: http://www.teaterssg.com/

Commenti Facebook

About the Author: