Elezioni 2013, i candidati più strani

Le elezioni sono ormai alle porte. I candidati premier sembrano essere dappertutto: radio, televisione, social network e giornali. Non abbiamo via di scampo. Dobbiamo resistere ancora qualche giorno e poi forse questa lotta all’ultimo spot finirà. Nel frattempo, la redazione di Radioincorso.it si è incuriosita su candidati un po’ fuori dal comune. Si tratta di una serie di personaggi, più o meno famosi, che a primo impatto non corrispondono al classico modello politico. Vediamone alcuni.

Il logo della Lista Bunga Bunga, prima e dopo la cancellazione dello slogan. Avrebbe violato l’articolo 21 della Costituzione, cioè il rispetto al buon costume

Iniziamo con una celebrità della pornografica che in ogni caso non è nuova al mondo della politica: stiamo parlando di Ilona Staller, in arte Cicciolina, già deputata dal 1987 al 1992. La pornostar ci riprova anche quest’anno, capeggiando il movimento Democrazia Natura Amore, o più brevemente D.N.A. Ma non è finita, perché tra i suoi compagni di avventura troviamo nientemeno che Gabriele Paolini, uomo divenuto famoso per le sue innumerevoli apparizioni indesiderate in Tv e ora capolista per la Camera in Lazio. Proseguendo la nostra curiosa ricerca, abbiamo trovato la Lista Bunga Bunga di Torino e ideata da Marco di Nunzio, esponente dell’estrema destra. Lo slogan ufficiale, poi cancellato, era stato preso palesemente dal film di Albanese: “Più pilu per tutti”. C’è poi un personaggio non molto distante da di Nunzio, ossia Mario Vattani. Cos’ha di strano questo personaggio? È semplicemente stato cacciato dal Consolato Italiano di Osaka, perché cantava in due gruppi Nazi Rock. Ora è capolista al Senato per La Destra di Storace.

Il simbolo del partito dei rinoceronti canadese

C’è da scommettere che in molti staranno pensando come solo in Italia si possa avere candidati di questo genere. Niente di più sbagliato. All’estero ci sono stati casi anche più bizzarri. Qualche esempio? Il partito degli amanti della birra in Russia – Beer Lovers Party – nato ufficialmente nel 1994; oppure il partito dei rinoceronti in Canada – Rhinoceros Party – capace di sopravvivere dal 1963 al 1993 per poi rinascere 7 anni fa; infine, sempre in Canada, esiste l’Absolutely Absurd Party, il partito assolutamente assurdo.

Quindi quando andrete a votare, sappiate che l’Italia non è messa così male rispetto ad altri paesi. L’unica domanda che ci si può fare in questi casi è: siamo proprio sicuri che la politica faccia bene a chi la pratica?

Commenti Facebook
By | 2013-02-20T13:26:58+00:00 20/02/2013|Categories: Politica|Tags: , , , , , |0 Comments

About the Author:

Simone Firmani
Ho 25 anni, una laurea specialistica in Scienze Politiche e sono giornalista pubblicista. Seguo l'evoluzione dell’informazione multimediale, ho una passione morbosa per il punk rock, un passato da cestista e un futuro ancora tutto da scrivere. Il presente? È qui, su Radioincorso.it.