Genti e Montagne

Si aprirà lunedì 9 novembre (ore 18), nell’Auditorium del Museo Revoltella, Genti e Montagne, finestra autunnale della rassegna Alpi Giulie Cinema. Giunta alla sua venteseisima edizione, la manifestazione di cinema e montagna dedicherà le prime due serate ai tragici avvenimenti del primo conflitto mondiale. Nell’anno del centenario dell’entrata in guerra dell’Italia, combattuta da noi soprattutto sulle montagne lungo il confine naturale dell’arco Alpino orientale, “è inevitabile, per una associazione culturale che si occupa di montagna, ricordare in qualche modo le persone, di molte nazioni diverse – e spesso della stessa con due divise diverse – che hanno vissuto e lottato tre lunghi anni in condizioni disumane, alle volte non lontani dai tremila metri di quota”, scrive l’Associazione Monteanalogo che organizza la rassegna.

La serata inaugurale al Museo Revoltella ospiterà l’alpinista, scrittore e cineasta Marco Preti, che presenterà il suo libro “Il ghiacciaio di nessuno”, attraverso la proiezione di alcuni documentari da lui realizzati sui Monti dell’Adamello, per raccontare i combattimenti ad oltre tremila metri di quota tra l’esercito italiano e quello austriaco. La rassegna si sposterà poi nella suggestiva cornice del Centro Naturalistico di Basovizza, il 16 novembre, per una serata dedicata alla Grande Guerra sulle Alpi Orientali con l’alpinista Roberto Todero. Infine, Genti e Montagne si accaserà al Bar libreria Knulp per tre serate – il 25 novembre e il 2 e 9 dicembre – dedicate ai luoghi e alle persone che popolano la montagna nella sua quotidianità. Tra gli appuntamenti grande attenzione alle tematiche ambientali e di attualità, con la proiezioni di Damnation e Life in paradise, ma anche a vicende storiche e per certi versi straordinarie, con le pellicole Il Sogno breve di Campochiaro e Ninì.

Commenti Facebook
By | 2015-11-08T23:29:57+00:00 09/11/2015|Categories: Magazine|Tags: , , , |Commenti disabilitati su Genti e Montagne

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.