Godeas è infallibile, buon punto della Triestina a Sacile

La stagione della Triestina 2013/2014 è una lunga corsa sulle montagne russe, che alterna alti e bassi con ritmo vertiginoso. Sul difficile campo della Sacilese, terza forza del campionato di Serie D, la formazione di Rossitto fa segnare uno dei picchi di rendimento stagionale, conquistando un pareggio prezioso per la classifica e il morale. Il valore aggiunto della compagine alabardata è ancora una volta Denis Godeas, che, grazie al suo 15° sigillo in campionato, ha riportato il match in equilibrio dopo il vantaggio dei padroni di casa.

La concentrazione di Denis Godeas, 15 gol in campionato, all'ingresso in campo

La concentrazione di Denis Godeas, 15 gol in campionato, all’ingresso in campo

LA PARTITA – Lo sprint iniziale è dei bianco-rossi di casa. Boscolo, innescato da Spagnoli, apre le danze al 13′ con un mancino di poco a lato. Al 30′ ci prova Favret con un ammirevole tentativo acrobatico che non trova però la porta difesa da Del Mestre. La prima frazione è di marca liventina, ma si chiude con il primo importante tentativo dell’Unione: Sessolo riceve al limite e non ci pensa due volte, ma trova sulla sua strada un ottimo Bazzicchetto. Le schermaglie del primo tempo diventano vere e proprie offensive nella ripresa, quando le due squadre alzano ritmo e baricentro alla ricerca dei tre punti. Il primo a farsi avanti è Godeas che al 6′, dopo un superbo spunto personale, conclude con un piattone alto di poco. La risposta della Sacilese è affidata ancora a Favret: la botta del centrocampista di casa dà l’illusione del gol ai tifosi bianco-rossi finendo sull’esterno della rete. Il botta e risposta delle contendenti si sblocca al 23′. Il direttore di gara giudica da rigore l’intervento di Depretis su Craviari e Baggio porta avanti la Sacilese infilando Del Mestre. La Triestina non abbandona le armi ma, al contrario, aumenta i suoi sforzi per trovare la via della rete. La soluzione al rebus è ancora una volta Godeas che al 34′ si alza in cielo per mandare in fondo al sacco l’invito di Depretis, il quale si fa così perdonare il fallo di qualche minuto prima. Nel finale, brivido per Del Mestre che salva con grande riflesso la potenziale deviazione “fratricida” di Frangu.

L’1-1, risultato giusto, è anche il meritato premio alla solidità tattica e mentale della Triestina, capace di reagire con prontezza allo svantaggio. La compagine giuliana occupa ora il 7° posto in classifica in coabitazione con Montebelluna e San Paolo Padova. La sconfitta dell’Este contro la Sanvitese lascia un piccolo rammarico perché, con tre punti, l’Unione avrebbe potuto portarsi a -6 dai play-off, ma non va dimenticato che, a causa della vittoria del Tamai, sono 5 i punti che distanziano gli alabardati dal pericolo play-out. Nel prossimo turno di campionato, la Triestina ospiterà La Fenadora, che precede i giuliani di un solo punto in classifica.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:11:37+00:00 03/03/2014|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: