Grandi autori in formato rotocalco contro la crisi dell’editoria e della cultura

Per rilanciare l’industria dei libri gli editori le stanno provando tutte: sconti di ogni tipo, classici a pochi centesimi di euro, ebook in regalo con la copia cartacea, ma nulla sembra aver avuto il successo desiderato. Per questo, invece di idee innovative si sta provando a ripescare dal passato quelle che hanno già fatto raggiungere l’obiettivo.

Per combattere la crisi della cultura si deve puntare sulla qualità ha affermato Tommaso Gurrieri.

Per questo l’editore fiorentino Clichy ha deciso di vendere libri come fossero giornali, riprendendo l’idea che fece tornare a leggere la Germania del Dopoguerra. Questo particolare formato è chiamato Ro. Ro. Ro. e nacque per rendere accessibili, a coloro che potevano investire solo pochi spiccioli, i grandi classici della letteratura. Per questo, per combattere la crisi attuale, grandi opere della letteratura vengono ristampate in formato quotidiano, e vendute ad appena un euro. Tanti gli autori disponibili che vanno da Stevenson a Joseph Roth, fino a Conrad. Ovvio che la crisi sia il motivo scatenante di questo ripescaggio dalla storia «ma l’idea si fa forte di un concetto espresso da Roberto Calasso in una recente intervista: il declino del libro si può, anzi, si deve combattere con la qualità» ha affermato Tommaso Gurrieri, direttore editoriale di Clichy «i nostri Ro. Ro. Ro mettono insieme cultura e imprenditorialità: sono piccoli contenitori di sapere, e allo stesso momento un progetto legato ad un’idea, e in questo momento c’è un forte bisogno di idee». Certo, il formato è importante, ma è il contenuto ad avere centralità assoluta, per questo è prevista la pubblicazione solamente di grandi classici.

Un’idea che cerca di riportare al centro dell’attenzione la cultura, la sua importanza per mantenere vivi i valori della popolazione, come quando a Sarajevo, durante i tre anni di assedio, si sono continuati a pubblicare libri e giornali. «Chi fa lavoro editoriale con passione (e follia) deve osare di tutto per invertire la pericolosa tendenza che sta stritolando la cultura in Italia: pubblicare Conrad o Roth è il nostro modesto contributo per curare l’abbrutimento culturale, che genera quello sociale».

Commenti Facebook
By | 2017-02-12T16:30:37+00:00 16/07/2013|Categories: Cultura e spettacoli|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa