Harlem Globetrotters Italian Tour 2017

Raccontare l’esperienza di aver visto gli Harlem in azione è come raccontare di aver visto una stella cadente in un cielo coperto da nuvole o un disco volante in una sera di pioggia e nebbia.. insomma, nel gergo comune “tanta roba”! Gli Harlem Globetrotters (letteralmente i “giramondo di Harlem”, un quartiere afro-americano di Manhattan in New York) nascono nel 1926 (secondo altre fonti nel ’27) e da 90 anni stanno girando il mondo facendo appassionare grandi e piccini allo show fatto di basket, atleticità e spettacolo.

L’esibizione del 29 marzo al PalaTrieste è iniziata con la mascotte della squadra “Big G” che, con la sua grande testa a forma di mondo, ha scelto tre bambini dal pubblico per farli partecipare, alla parte iniziale dello show, e successivamente anche degli adulti. Poco dopo questi momenti in pieno stile americano, entrano invece i giocatori. Per primi si vedono gli avversari degli Harlem, ovvero alcuni tra i migliori giocatori del mondo e, poco dopo eccoli lì, proprio loro: gli HARLEM GLOBETROTTERS in divisa rossa, blu e bianca!
Dopo questa entrata in scena epica, inizia finalmente la partita e alla fine del primo quarto gli Harlem sono in vantaggio di 11 punti sugli avversari. Nella pausa tra i due quarti, iniziano altri sketch tra i giocatori degli Harlem e il pubblico: per prima viene “presa di mira” una donna, che si ritrova a dover partecipare ad un borseggio e successivamente a un finto matrimonio, e poi un uomo che si trova ad imitare uno dei giocatori e che come premio riceve un polsino firmato Harlem.

Acrobazie degli Harlem Globetrotters

All’inizio del secondo quarto entra in campo Cager: giocatore della squadra avversaria agli Harlem, di 2,15 metri per 130kg di peso, entra in scena sulle note della colonna sonora di Darth Vader (la famosissima Marcia Imperiale) e subito dopo ricomincia la partita. Il secondo e il terzo quarto procedono con gli Harlem rigorosamente in vantaggio sugli avversari. Poteva forse mancare poi il tipico ballo americano sulle note di “YMCA”? Infatti ecco tutto il PalaTrieste in piedi per ballare questa canzone che riesce a coinvolgere e divertire tutti: grandi e piccini scatenati sulle note della famosa canzone, fino all’inizio dell’ultima parte della partita.

Esibizione degli Harlem e della squadra avversaria

Forse a questo punto qualcuno si sarebbe aspettato che le sorprese fossero finite, ma loro sono gli Harlem! E non mancano di dimostrarlo, soprattutto quando Hi-Lite, giocatore numero 26, prende un bambino dalla tribuna e, dopo averlo nominato scherzosamente “suo figlio”, gli regala una mini canotta con lo stesso numero.
Dopo tutti questi colpi di scena, senza dimenticare il giocatore degli Harlem che decide di arrampicarsi sul canestro e poi scendere scivolando letteralmente nel canestro, si conclude il quarto quarto con la vittoria degli Harlem Globetrotters sugli avversari. A questo punto agli Harlem non resta altro da fare che firmare autografi, palloni, biglietti, maglie, braccia. Senza dimenticare ovviamente i vari Selfie e le foto di rito.

Come definire lo spettacolo degli Harlem? Catartico! Sicuramente un “must” per gli amanti del basket! Gli Harlem hanno fatto la storia: loro sono gli Harlem Globetrotters, la cui tradizione va avanti da decenni, anzi, quasi un secolo! Perciò a prescindere dalla passione per il basket, almeno una volta nella vita bisogna andarli a vedere: questa tradizione americana e questo spirito tipico della Grande Mela non ha eguali, e vedere come vengono coinvolti grandi e piccini, per non parlare del duro allenamento della squadra, è qualcosa di unico. Voto allo spettacolo degli Harlem Globetrotters? 10 e lode! O per rimanere in ambito universitario: 30 e lode!

Commenti Facebook
By | 2017-04-09T11:55:53+00:00 31/03/2017|Categories: Focus on (Magazine), Sport|Tags: , , , , , , |Commenti disabilitati su Harlem Globetrotters Italian Tour 2017

About the Author: