Harris e Hoover non bastano alla Pallacanestro Trieste contro Veroli

Dopo la sconfitta di domencia scorsa, coach Dalmasson, ha dichiarato che l’obiettivo di quest’oggi è recuperare il ritmo perso, ma gli uomini in casacca bianco-rossa, non entrano in campo con il giusto sprint, davanti ad un pubblico di casa che fatica a dare la spinta ai suoi.
Trieste scende in campo con Hoover, Harris, il primo ad andare a canestro, Coronica, Diliegro e capitan Candussi. Veroli, reduce da due sconfitte e una vittoria contro Jesi, si presenta con il quintetto formato da Sanders, Cittadini, Tomassini, Samuels e Casella. Dopo sette minuti di gioco, il tabellone, causa errori di entrambe le formazioni, segnala un punteggio basso, 04 a 09. Si scaldano gli animi in campo con gli arbitri che assegnano fallo tecnico a Samuels su Hoover che accprcia le distanze per i ragazzi di casa (08-09). Con troppi errori difensivi, TRieste permette aa Veroli di macinare punti, a canestro Cittadini e Samuels a cui risponde Diliegro e Ruzzier in lunetta chiudendo il quarto con un distacco di solo due lunghezze (15-17).

Ottimo Harris a recuperare sotto canestro, Diliegro sbaglia però la palla del pareggio e Veroli castiga con una tripla di Carenza (15-20). Dopo lo stop dello scorso incontro, Treiste recupera Stafano Tonut che coach Dalmasson fa entrare al posto di Coronica. Un match che non vuole decollare neanche nel secondo quarto con numerosi errori da entrambe le parti e un fallo antisportivo fischiato a Mastrangelo commesso contro Blizzard che aveva la possibilità di contropiede. Un’aria di sonnolenza pervade il palazzetto ma il giovane Candussi riesce a sbloccare il periodo negativo, suguito da un assist di Carra che manda in tripla Hoover (24-30). Recupero di Candussi sotto canestro e Hoover porta il distacco a due lunghezze (28-30). Non basta uno scatenato Ryan a recuparare gli avversari che vanno negli spogliatoi per la pausa lunga su 30 a 34.

Nonostante i numerosi tentativi in attacco, Trieste, all’inzio del terzo quarto, non riesce a mettere un passo avanti sugli avversari che dopo due minuti e mezzo continuano a condurre il gioco (35-38). Per la prima volta dall’inizio del match, merito di due liberi di Hoover, Trieste riesce a portarsi in vantaggio ma Samuels spegne subito la gioia sulla panchina di casa (39-40). Veroli mantine le redini del gioco, tripla di Carenza e Dalmasson è costretto a chiamare minuto per dare una svegliata ai suoi (41-47). Minuti di ansia sul parquet del PalaTrieste con Mastrangelo che viene portato via in barella a seguito di uno scontro con il compagno di squadra Marco Carra a chiusura del quarto (47-55).

Con una difesa praticamente inesistente, Trieste mantiene dieci lunghezze su Veroli che opo due minuti e mezzo di gioco conduce 49 a 59. Harris prova ad accorciare le distanze ma Sanders frena ogni tentativo di recupero con una schiacciata (51-63). I numerosi tentativi di recupero non premiano i ragazzi di casa che sin dal’inizio del match non hanno dimostrato le loro reali potenzialità che avrebbero dovuto mettere in campo dopo la sconfitta contro Napoli. La pausa natalizia porterà consiglio a coach Dalmasson che con Veroli (62-74 ), chiude le partite in casa di qeusta stagione e il 29 dicembre se la vedrà fuori casa contro Credito di Romagna Forlì il 29 dicembre.

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – BASKET VEROLI 62-74 (15-17); (30-34); (47-55).
TRIESTE: Hoover 13, Fossati 0, Tonut 0, Harris 14, Mastrangelo 0, Ruzzier 12, Coronica 0, Diliegro 12, Candussi 5, Carra 6. All Dalmasson
VEROLI: Sanders 10, Cittadini 7, Tommasini 6, Samuels 15, Giammò 3, Ondo Mengue n.e, Blizzard 12, Casella 13, Fabiani n.e, Carenza 8. All Ramondino
Arbitri: Ciaglia, Barone, Loscalzo.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:11:53+00:00 22/12/2013|Categories: Sport|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.