Hemingway, un mare da leggere

Riflettori accesi sulla mostra “Hemingway, un mare da leggere“. L’esposizione, promossa dall’Associazione Culturale Onlus “Cinzia Vitale”, sarà inaugurata a Trieste martedì 6 ottobre, alle 18, in occasione della 47esima edizione della Barcolana. Fino al 12 ottobre all’Hotel Continentale in Via San Nicolò 25, all’interno del percorso culturale Fuoriregata, saranno esposti numerosi cimeli appartenuti allo scrittore statunitense. Tra gli oggetti esposti si potranno trovare la macchina da scrivere Remington con cui Hemingway scrisse il romanzo “Di là dal fiume e tra gli alberi”, il binocolo con cui osservava le anatre alzarsi in volo sul lago del Tombolo, la borraccia utilizzata durante le sue battute di caccia a Caorle, un calamaio con boccetta d’inchiostro e pennini utilizzati per la corrispondenza, i fischi usati durante le battute di caccia nella laguna veneta, e ancora il fodero del fucile da caccia e gli zoccoli che il romanziere usava indossare al suo rientro a casa nella villa del barone Nanuk Franchetti a San Gaetano. La prestigiosa location ospita anche il pettine che lo scrittore teneva sempre nel taschino della giacca e alcuni sigari Monte Cristo che Hemingway amava fumare in compagnia degli amici.eming

Commenti Facebook
By | 2015-10-06T13:24:02+00:00 06/10/2015|Categories: Magazine|Tags: , , |Commenti disabilitati su Hemingway, un mare da leggere

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.