I 5 brani da ascoltare sotto esami

Questo è un brutto periodo per tutti quelli che frequentano l’università. In effetti, è un brutto periodo pure per quelli che non la frequentano ma che ci sono iscritti, se questo significa che devono dare degli esami. E gli esami, si sà, vanno preparati. Di seguito vi suggeriamo cinque brani che possono accompagnarvi nel loro percorso di preparazione, dallo studio al voto finale.

1. Studio intenso. Saltiamo la fase zero, quella dedicata al finto studio e alla semplice apertura dei libri per zittire la voce della propria coscienza; iniziamo invece dalla prima vera fase di studio intenso che, ovviamente, necessita di una musica che sia incoraggiante ma non troppo coinvolgente per non distrarre troppo dalle pagine sulle quali ci stiamo ammazzando. Satie è perfetto per questo, provare per credere.

https://www.youtube.com/watch?v=YC56jnMf95Y

2. Ripetizione con amici. Solitamente dopo lo studio in solitaria c’è la necessità di confrontarsi con altri colleghi e amici per verificare se le nozioni acquisite sono sufficienti (e soprattutto se quel prof non ha dato qualche indicazione fondamentale proprio quell’unica volta che noi non siamo andati a lezione). Niente è più divertente di studiare in compagnia, almeno finché non arriva il saccente che dice tutto subito prima di noi mentre ripetiamo. Per questo serve una canzone che metta tutti d’amore e d’accordo e stimoli cooperazione e soccorso reciproco, insomma il giusto funk. Per voi Herbie Hancock.

https://www.youtube.com/watch?v=4lzgBERy7uo

3. Cagotto. Non c’è altro modo di chiamarlo. Sei fuori dalla porta dove il professore sta tenendo l’esame. Sono entrati già molti condannati e man mano che ti confronti con gli altri studenti scopri una serie infinita di argomenti di cui tu non avevi nemmeno immaginato l’esistenza; dopo aver maledetto in molte lingue i tuoi amici per non averti avvisato di nulla (sicuro lo hanno fatto apposta, per invidia della tua intelligenza), cercate di incastrare disperatamente queste ultime nozioni sforzandovi di imparle a memoria, perché non c’è più tempo per capirne il senso. Nel frattempo il vostro stomaco ha deciso che dovete andare assolutamente in bagno e più cercate di non pensarci più vi immaginate la scena imbarazzante che potrebbe crearvi in presenza del professore. Il nostro consiglio, invece, è quello di estraniarvi da questa landa di disperazione, ascoltando un pezzo che vi dia la giusta dose di fiducia in voi stessi e in un mondo migliore (tutto sommato, se anche non passate questo esame non sarà la fine del mondo, no?), ovvero Sound of The Shire del Signore degli Anelli.

4. Se non si passa l’esame. Ogni tanto i professori ci odiano, non ci possiamo fare nulla. Non capiscono la nostra grandezza, il nostro genio oppure il fatto che la loro materia non è così importante e che quindi non deve essere “studiata per davvero”. Se uscite da quell’aula con lo stesso numero di  esami da dare di quando siete entrati, non prendetela come una sconfitta e ricordatevi sempre: tutto quello che non vi uccide vi rende più strani. Specie se studiate medicina. O matematica. O filosofia. Qui serve una canzone che ve lo ricordi. Taylor Swift è perfetta.

5. Se si passa l’esame. Nel caso il professore vi conceda di passare l’esame avete l’obbligo di festeggiare. Magari non potete andare una settimana a Bahia perché tra tre giorni avete un altra scadenza e dovete dunque riprendere il ciclo dal punto 1, potete però mettere su questa musica di DJ Khaled e invitare i vostri amici a bere qualcosa per festeggiare con voi (solo quelli che hanno passato l’esame, onde evitare casuali versamenti di veleno nei vostri bicchieri).

Commenti Facebook
By | 2017-02-12T16:39:41+00:00 10/02/2016|Categories: Cultura e spettacoli, Magazine|Tags: , , , , |Commenti disabilitati su I 5 brani da ascoltare sotto esami

About the Author:

Studia musica al Conservatorio Tartini e all'Università di Pavia e si rende conto che più si studia la musica meno ci si sente preparati a parlarne. Francamente non lo trova affatto giusto.