I dieci anni del Deposito Giordani

Raggiunge i dieci anni di attività il Deposito Giordani – Naonian City Hall, struttura nata sulla spinta delle associazioni culturali giovanili di Pordenone, che con il supporto dell’Amministrazione Comunale di Pordenone, hanno dato nuova vita all’autorimessa delle corriere, dell’allora azienda dei trasporti Giordani Turismo, trasformando il contenitore in un ambizioso progetto artistico-culturale di valenza regionale.

Un evento all'interno del Deposito Giordani.

Dal 2002 il Deposito Giordani grazie ad una serie di interventi strutturali, è diventato non solo uno dei “club” per la musica dal vivo più importanti del nord Italia, ma anche un area di riferimento per la produzione musicale e la creatività giovanile del territorio.

Due anime quindi che si fondono sul linguaggio universale della musica: da una parte il live proposto da band ed autori tra i più importanti della scena nazionale ed internazionale e dall’altra, con il sostanziale intervento delle istituzioni, un luogo che offre la possibilità ai gruppi musicali, di ogni livello, di registrare le loro produzioni originali oppure realizzare un video, di usufruire di un’attrezzata sala prove, di salire sul palco seguiti da personale tecnico con service audio, luci e materiali professionali, di consentire ai progetti più importanti di trovare un supporto promozionale e di agenzia di booking per offrire occasioni di esibizione oltre la sfera locale.

Assieme al settore artistico nel Deposito Giordani, trovano spazio anche attività di formazione professionale che fino ad ora hanno permesso a molti ragazzi, da semplici appassionati per la musica, di realizzare delle esperienze lavorative in ambito cooperativo con Nuove Tecniche e con altre agenzie ed imprese del settore multimediale, dello spettacolo e della produzione teatrale.

Un complesso di attività socio-culturali che creano occasioni di incontro, inclusione sociale, intrattenimento e lavoro, tema quest’ultimo che diventa centrale per una ricalibratura del progetto che sovrintende il Deposito a favore dell’occupazione nei settori della musica, della produzione creativa e multimediale rivolta al mondo giovanile.

Si parte pertanto dalla suddivisione della “vita” del Deposito Giordani in tre aree di intervento tra loro

Vinicio Capossela sarà in concerto al Deposito Giordani.

integrate. Per quanto concerne la prima area ovvero la programmazione musicale 2012-2013 sono in programma alcuni importanti appuntamenti musicali pop, rock, contemporanei e di tendenza, nazionali ed internazionali quali Vinicio Capossela, Gem Boy e Cristina D’Avena, Banco del Mutuo Soccorso e di rassegne che coinvolgono giovani band del territorio in collaborazione con le associazioni (tra le prime Artesonika, SoundsLike, Brit Box, Scuola sperimentale dell’attore).

A seguire si prevede un potenziamento delle attività creative già consolidate e realizzate all’interno del Deposito Giordani nell’ultimo biennio e con una specifica promozione favorire l’incremento della frequentazione da parte dei ragazzi, di giovani musicisti e creativi: dello studio di registrazione “Peppino Impastato”, della sala prove, di Flare Video ed Arterend attivi nella produzione audiovisiva, multimediale, fotografia ed artistica più in generale e favorire nel contempo le esibizioni live delle band locali e la costruzione di una rete di rapporti ed interscambi artistici, creativi e tecnici (produzioni, strumenti, esperienze, agenzie, normative, booking).

Come ultimo elemento si tratta di favorire un approfondimento degli aspetti professionali, propri del mondo della musica, della creatività artistica, ed un contatto con le imprese operanti promuovendo attività di formazione indirizzate alle attività creative, rivolte ai giovani under 35, con il coinvolgimento di formatori, tutor, tecnici, operatori dei media, e di attività formative indirizzate agli operatori dello spettacolo nell’ambito della sicurezza sul lavoro, RSPP, addetti antincendio, allestimenti strutture e teatro.

 

Commenti Facebook
By | 2012-10-22T09:50:04+00:00 22/10/2012|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

radioincorso
La web radio degli studenti dell'Università di Trieste. Collabora anche tu!