I graffiti invadono Gemona

Triplette di segna a Elementi Sotterranei 2011 la sua "Danza della Pioggia"

Arriva a Gemona del Friuli, l’1 il 2 ed il 3 Giugno uno dei festival artistici più atteso in tutto il Nord Est. Si tratta di “Elementi Sotterranei“, International Writing and Street Art Conscious Festival che vanta quest’anno la presenza di 14 writers diretti dal maestro del 3D, Peeta, tutti “pilastri” del Graffiti-writing europeo, provenienti da Italia, Olanda, Spagna e Germania, che espongono le proprie opere nei più importanti musei del mondo, tutti uniti nel confronto culturale sul filo conduttore del 2012: il Ri-ciclo. Tra questi ricordiamo Dome e Loomit, Dado e Webster, solo per citarne alcuni.
Grazie al sostegno di Comune di Gemona del Friuli e al supporto di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), a disposizione dei “writers” ci saranno due aree, a est e a ovest della stazione ferroviaria di Gemona, per un totale di circa 700 mq, suddivisi tra gli artisti internazionali e coloro che hanno vinto il bando di concorso organizzato dall’Associazione. Negli anni, il Festival è diventato un momento di comunione artistica unico nel suo genere: da tempo gli artisti vengono accolti dalla comunità locale e dipingono insieme, seguendo la tematica scelta anno dopo anno. Questo spiega la dicitura “conscious festival”.
Elementi Sotterranei 2012, non è solo un Festival da vedere. Diversi sono i laboratori aperti al pubblico, da L’Officina del Riciclo, laboratorio creativo per bambini realizzato dall’Associazione Culturale 0432, che insegna a realizzare piccoli oggetti e giocattoli con materiali di recupero, a Street Art, Spazio Libero, un laboratorio di graffiti aperto a tutti, a cura di Macross, passando per Riciclo Senza Frontiere, un gioco creativo per bambini e adulti dai sei anni in su, a cura dell’Associazione Kaleidoscienza. A cura di Coop Consumatori Nordest, invece, un interessante workshop sul ri-ciclo lavorativo, dal titolo Oltre la Crisi: il Modello Cooperativo, che fornirà proposte e idee per fare cooperativa nell’epoca della disoccupazione.

Per qualsiasi informazione, visitate il sito www.elementisotterranei.net

Commenti Facebook

About the Author: