I pescatori di perle – Les Pêcheurs de perles al Teatro Verdi

I pescatori di perle- Les Pêcheurs de perles- debuttano venerdì 10 marzo al Teatro Verdi con  musiche di George Bizet e con la regia di Fabio Sparvoli ripresa da Carlo Antonio De Lucia, scene di Giorgio Ricchelli e costumi di Alesssandra Torella .

George Bizet, compositore importante della lirica francese, scrisse quest’opera in gioventù (all’epoca della stesura non aveva ancora 25 anni) con l’aiuto di Michel Carré e Eugène Cormon per la stesura del libretto. Il linguaggio musicale dell’opera vede una costruzione musicale molto tecnica, la stesura di tutto il lavoro è il frutto di una orchestrazione cristallina, numerosi  i passaggi della sola arpa e cembalo. Le linee melodiche di tutto il lavoro restano molto poco all’orecchio dell’ ascoltatore. Questo allestimento è stato proposto a Trieste nel 2008 con un discreto successo (e anche qualche dubbio, che ahimè non s’è risolto). Ottima la direzione del M°Oleg Cateani, la musicalità espressa in modo lineare e un gesto semplice e molto chiaro. Tutti  i cantanti (mi riferisco anche alla massa artistica) han beneficiato di una direzione che ha accompagnato ogni singolo momento dell’opera. Confermo sempre l’impressione ottima del coro che con la guida di Francesca Tosi è un bel sentire. Interessante la voce di Mihaela Marcù che a Trieste l’abbiamo vista numerevose volte, una voce che sta diventando sempre più matura e calda senza perdere freschezza. Domenico Balzani lo abbiamo visto interpretare il ruolo di Bartolo nella precedente produzione, si disimpegna discretamente nel ruolo di Zurga fornendo una prestazione di buon volume e interessante nell’ impersonificare un personaggio piuttosto complesso. Il Nadir di Jesus Leon, è poco costante fornendo una interpretazione del primo atto di poca rilevanza (si nota altresì la buona lettura dell’aria Je crois entendre encore in italiano Mi pare d’udire ancor) nel secondo e terzo atto è sembrato più nella parte e addirittura coinvolto in certi duetti. Le scenografie di Giorgio Ricchelli sono povere, quasi banali. I costumi di Alessandra Torella sono fuori luogo, molto tradizionali e poco attraenti all’occhio dello spettatore. Dopo tanto tempo si sono visti ballerini sul palcoscenico del Verdi, pochi e in certi momenti troppo presenti. Carlo Antonio de Lucia riprende una regia di Fabio Sparvoli che è dubbiosa, che seppur molto affine al libretto, scava poco nel testo, coinvolgendo molto poco il cast completo. Un allestimento che il pubblico ha generosamente applaudito portandone un discreto successo.

Commenti Facebook
By | 2017-03-19T14:24:16+00:00 11/03/2017|Categories: Musica classica, Teatro|Tags: , , , |Commenti disabilitati su I pescatori di perle – Les Pêcheurs de perles al Teatro Verdi

About the Author:

Triestino, classe 1984, da sempre appassionato di musica e teatro. Studia Tromba, Composizione, Direzione d'orchestra a fiati. Collabora con la Webzine "Amici del Musical". Dirige la Corale del Duomo di Muggia e la Banda dei donatori di sangue di Villesse (GO). Pubblica presso le edizioni Tierloff (Nl), Baton (Nl), Orchestralart (A), Kliment (A).