I Sigur Ros incantano Jesolo

È stato un bel sogno. Ora, a distanza di qualche ora, possiamo ammetterlo. I Sigur Ros arrivano al Pala Arrex di Jesolo per la prima data del tour italiano 2013, a supporto del loro ultimo album “Valtari”, uscito lo scorso maggio. Ancora una volta, la capacità della band di emozionare è indiscussa : il quasi “sold out” è pienamente giustificato. In linea con le sonorità nordiche (una lotta tra acqua e fuoco), amalgamate alla perfezione con la psichedelia dei ritmi floydiani e le sonorità più ambient, sono i video e le immagini proiettate durante tutto il concerto. Una scelta che ha certamente contribuito a rendere vividi e palpabili i sentimenti portanti di questo tour, in cui un’energia mesta ma consistente, di certo, non manca. I Sigur Ros però non si presentano da soli e si fanno accompagnare dal quartetto d’archi femminile Amiina, fondamentale collaboratore nell’ultimo album. Un classico che suscita sempre un certo effetto è l’utilizzo di Jonsi, cantante e chitarrista, di un archetto da violoncello per suonare la chitarra.

Jonsi, il cantante e chitarrista dei Sigur Ros.

Due ore di concerto intense, in cui il pubblico si è lasciato mestamente cullare in un mondo onirico, guidato dalla voce penetrante del leader della band e dai suoni a tratti distorti e a tratti soavi dei musicisti. Unica pecca dell’evento, la poca visibilità dalle gradinate laterali, dovuta alla posizione del palcoscenico, dal quale i Sigur Ros sono comunque riusciti a diffondere il calore necessario per arrivare fino all’ultimo posto dell’ultima fila.

Il tour proseguirà a Milano, con a seguire le date di Ferrara, Lucca e Roma. Tappe imperdibili per i fan della band islandese, ma più in generale per gli amanti della buona musica

Commenti Facebook
By | 2013-02-19T11:30:50+00:00 19/02/2013|Categories: Musica|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Studentessa non modello della Scuola per Interpreti e Traduttori di Trieste, ma originaria del profondo Sud. Sono appassionata delle più svariate forme d'arte che accordano o scordano (a seconda dei gusti) l'anima e faccio parte del team di Radioncorso.it dal 2013 in qualità di giornalista e speaker.