Igor Simcic presenta il progetto Esimit Europa 2

In attesa del grande evento di domenica, crescono le emozioni alla Barcolana. Ier sera alle ore 18.00, con mezz’ora di ritardo rispetto alla tabella di marcia, è partita la gara dei 2.4 Stazza Internazionale. Una gara dal sapore speciale, riservata ai normodotati e diversamente abili che ha visto la vittoria di Manuel Polo e la sua “Ita 80”, in attesa delle gare notturne.

ESIMIT EUROPA 2. Davanti a stampa e autorità, ieri pomeriggio, si è tenuta l’annuale conferenza stampa di Esimit Europa 2 dove Igor Simcic, fondatore del progetto, e Jochen Schumann, lo skipper, hanno raccontato l’evoluzione del progetto. “Esimit Europa è un progetto che nasce qua alla Barcolana, un progetto in cui avevo fiducia sin da giovane, un progetto che si è allargata con gli anni. – ha commentato Simcic che ha partecipato a 21 barcolane – Nel 2009 abbiamo firmato un accordo con la Gazprom che ci ha portato a comprare una delle gare più veloci”.
Tanti gli obiettivi alla base dell’idea di Simcic e compagni, in primis quello di unire tutto il continente europeo, obiettivo raggiunto dopo l’amicizia stretta con la Russia: “Dopo la Russia, stiamo collaborando con il Friuli Venezia Giulia e la nuova presidentessa con cui abbiamo idee molto simili per dare una svolta a questo territorio che ha tante potenzialità da poter sfruttare. La Barcolana è un’iniziativa che non ha frontiere – ha continuato Igor – ha tanti valori e per questo stiamo lavorando alla ricerca di uno psonsor che ci aiuti ad allargare la manifestazione, speriamo di poterlo proporre già nella prossima edizione”.
Soddisfazione anche per lo Skipper, Jochen Schumann, per una stagione da coronare, magari, con la vittoria di domani: “Quest’anno, in due diffeenti regate, abbiamo segnato i nostri record, non abbiamo potuto finire tutte le gare perchè siamo dovuti parire per la Svezia per una gara importante a Stoccolma, una regata indimenticabile per il clima, per le notti bianche del nord ma soprattutto perchè abbiamo vinto e abbiamo dovuto regattare in mezzo alla vittà”.

ROBERTISSIMA III. Tra le barche tanto attese, ieri, è arrivata in Golfo anche Robertissima III, l’imbarcazione di Vascotto che ha scoperto le sue carte: “La barca è eccezionale – ha commentato lo skipper – ha alcuni anni, ma mantiene intatto il suo potenziale. Rende bene nelle regate a rating, quelle IRC, ma certo in una regata come la Barcolana, va benissimo ma non è l’ideale”.

GARE ODIERNE. Mentre continua a cresce il numero degli iscritti, 1133 nella serata di ieri, oggi è la volta delle gare collaterali con le barche d’epoca che, a partire dalle 10, hanno iniziato a gareggiare nella Barcolana Classic, mentre alle 18.15 sarà la volta delle gare dedicate alle barche monotipo Elan 210, Meteor e le sfide riservate agli Ufo 28 della Jotun Cup.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:11+00:00 12/10/2013|Categories: Sport|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.