Il Caffè delle lettere

Prenderà avvio giovedì 21 aprile, alle ore 17.30, il Caffè delle Lettere, nuova iniziativa organizzata dall’Università degli Studi di Trieste. La manifestazione, curata da Paolo Quazzolo, va ad affiancare l’ormai tradizionale Caffè delle Scienze, aprendosi ora alle discipline umanistiche, giuridiche, sociali ed economiche, e proponendo una serie di conversazioni informali tra ricercatori e pubblico su argomenti tra i più diversi.
Il primo ciclo di incontri del Caffè delle Lettere, ospitato al Caffè San Marco, avrà come filo conduttore il tema Antipatici, cattivi, perfidi, indemoniati, particolari aspetti dell’animo umano che saranno indagati in una serie di tre incontri cui parteciperanno sei docenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università. Giovedì 21 aprile Paolo Quazzolo e Laura Pelaschiar inaugureranno la rassegna parlando dei cattivi nel teatro. Paolo Quazzolo – docente di Storia del Teatro, Coordinatore scientifico del Sistema Museale dell’Ateneo triestino e studioso del teatro di Goldoni – dimostrerà come i personaggi negativi siano elemento essenziale per la narrazione drammaturgica, scegliendo, tra i molti, alcuni esempi di celebri cattivi che popolano il teatro dalle origini sino a oggi. Laura Pelaschiar – docente di Letteratura Inglese e diretrtrice della Trieste Joyce School – si occuperà invece del più cattivo fra i (molti) cattivi shakespeariani: l’indecifrabile, implacabile, inquietante e inarrivabile Iago.
Il ciclo di incontri proseguirà, poi, giovedì 19 maggio, quando sarà la volta di Lucio Cristante e Fabio Polidori che tratteranno l’argomento nel mondo classico e dalla prospettiva filosofica. Giovedì 16 giugno, infine, Fabio Romanini e Federica Fontana parleranno della rappresentazione dei cattivi in letteratura e in archeologia.

Commenti Facebook
By | 2016-04-20T09:08:54+00:00 20/04/2016|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.