Il cioccolato fa bene. Ecco perchè

I Maya lo chiamavano il Cibo degli Dei e berne una tazza calda era un modo di ostentare la propria ricchezza. Parliamo del cioccolato, che non solo è buono, ma fa anche bene, purché non se ne abusi. Il cioccolato infatti è ricco di flavonoidi, dei potenti antiossidanti che contrastano i radicali liberi e limitano gli effetti negativi dovuti ad alti livelli plasmatici di LDL ( il colesterolo “cattivo”). Con la loro azione antinfiammatoria inoltre proteggono le arterie dai danni dell’arterosclerosi, in tal modo aiutando a prevenire malattie cardiovascolari gravi come infarto e ictus.

Gli effetti benefici del cioccolato sono molteplici.

Altri componenti preziosi del cioccolato sono la teobromina e la caffeina, che hanno un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale, sul battito cardiaco e sul rilassamento dei muscoli respiratori. Inoltre riducono l’affaticamento e migliorano la concentrazione. Il cioccolato è anche fonte di vitamine (A, D, E, B12), di magnesio, ferro e zinco.

Secondo uno studio recente dell’Harvard Medical School, il cioccolato sarebbe molto importante nella vecchiaia per proteggere il cervello. Uno studio su un gruppo di persone con età media 73 anni ha voluto verificare gli effetti dell’assunzione di due tazze di cioccolata calda al giorno per un mese. I risultati di una serie di test sulla capacità mnemonica e cognitiva e degli esami agli ultrasuoni, che permettono di rilevare l’afflusso sanguigno al cervello, hanno evidenziato un miglioramento nei test di memoria e in particolare un migliorato afflusso sanguigno nei soggetti in cui inizialmente esso era insufficiente.

Commenti Facebook
By | 2013-08-29T13:00:09+00:00 29/08/2013|Categories: Scienza&Ricerca, Università|Tags: , |0 Comments

About the Author: