Il Cirque Eloize in scena al Rossetti

“Hard to describe, but it’s easy to like!”
Questo lo slogan con cui il Cirque Eloize si presenta in Italia e lasciatemelo dire che mai slogan fu più appropriato. Se mi chiedeste di descrivere lo spettacolo che si è tenuto ieri sera al Rossetti, nessun’altra frase sarebbe più adatta: l’unico modo per poter comprendere la complessità e la particolarità di “iD” è andare a vederlo. Lo show infatti rimane al Teatro Stabile fino a domenica 19 gennaio.

Particolarissimo lo stile dello spettacolo firmato Jeannot Painchaud, cofondatore del Cirque Eoize nel 1993. Si è esibito lui stesso per molti anni nei suoi spettacoli in qualità di acrobata, giocoliere e performer specializzato in ciclismo artistico.
Gli spettacoli  di Cirque Eloize vengono creati dall’incontro tra artisti dai diversi orizzonti creativi, puntando a mantenere sempre un approccio multidisciplinare arricchito dall’internazionalità del cast. Questi 16 meravigliosi artisti portano in scena l’energia della Young generation, tutti con storie interessanti alle spalle, che sono passati dalla  strada al palcoscenico <<proprio come venticinque anni fa i circensi  sono passati dal tendone al teatro>> spiega Painchhaud.

Gli artisti portano in scena al Politeama acrobazie con nastri o cerchi sospesi nelll’aria, contorsionismo e  break dance, urban bike e rollerblade e tanta giocoleria. L’elettronica, il rock e la musica più poetica s’incontrano con un perfetto gioco di immagini e video che vengono proiettati sul muro di scenografia creando un luogo metà reale e metà surreale, come se una telecamera guardasse ciò che accade in una zona nascosta della città. La particolarità è la creazione di un “trampo-wall “, muro trampolino che si muove con i suoi fori e le sue porte diventando “vivo”.

Intenso, vivace ed incredibile.
Uno spettacolo che riesce a calamitare l’attenzione del pubblico e lasciarlo senza parole, incredulo.
Il consiglio è di andare a vedere il Cirque Eloize tenendovi pronti però a scaldare l’artista, senza risparmiare un solo battito di mani.

 

Commenti Facebook

About the Author: