Il regalo di Spotify: musica gratuita e senza limiti

Lo screenshot della versione mobile di Spotify.

Daniel Ek, il fondatore del servizio musicale digitale Spotify, ha annunciato recentemente alcune importanti novità per la sua piattaforma. La prima e, forse, la più interessante è che si potranno ascoltare, album (in modalità shuffle), o playlist proposte dal servizio o da altri utenti, in maniera completamente gratuita anche dai dispositivi mobili. Se questa notizia non fosse però abbastanza, vi diciamo anche che è stato tolto il limite di tempo di dieci ore previsto in precedenza.

State cercando l’inganno? Non c’è, se non considerate che per godere di questo servizio, dovrete ascoltare qualche spot pubblicitario, come avviene anche nella versione per computer. «Con queste novità» ha affermato Ek, «stiamo dando agli appassionati di musica la migliore esperienza di ascolto gratuita nella storia degli smartphone e tablet. Per andare in palestra o a un party con gli amici, Spotify offre la musica perfetta per ogni momento della vita».

Il CEO ha poi comunicato che, in linea con la strategia di espansione globale dell’azienda, Spotify verrà lanciata in 20 nuovi mercati in Europa e in Sud America. Un’espansione che porterà a 55 il numero complessivo dei Paesi in cui è presente il servizio. Alcuni artisti storcevano però il naso a queste novità, temendo una ripercussione sui propri introiti. Dall’azienda hanno però affermato «L’opzione gratuita sul mobile ci permette di competere con la pirateria mobile e con gli altri servizi gratuiti. Partendo da questa base continueremo a convertire ascoltatori gratuiti in utenti a pagamento e a pagare agli artisti tassi più alti di altri servizi». Per usufruire del servizio senza interruzioni pubblicitarie, a una qualità audio più elevata, con possibilità di ascoltare musica offline, sarà infatti necessario passare alla modalità Premium.

Un regalo di Natale anticipato o un’intelligente mossa di marketing? Venti milioni di brani gratuiti, senza la necessità di scaricare file e trasferirli e senza rallentare i dispositivi occupandone la memoria è sicuramente una novità degna di nota. Dovremo solamente attendere dispositivi con batterie sufficientemente durature e costi dei servizi internet adeguati.

 

Commenti Facebook
By | 2013-12-16T09:51:42+00:00 16/12/2013|Categories: Cultura e spettacoli, Musica|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa