Il Rossetti fa un bilancio positivo e rilancia con Cats

Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia guarda alla nuova Stagione confortato dalla risposta pienamente positiva, registrata nel corso dell’intera Stagione 2012-2013, relativamente all’affluenza e al gradimento delle proposte in cartellone. Una risposta nient’affatto scontata, considerando il periodo di crisi e di generale difficoltà. A fronte di questi risultati lo Stabile regionale rilancia con fiducia, preparando una stagione ricca di spettacoli di produzione di prosa e di titoli ospiti che apprezzeremo a partire dal prossimo ottobre, e annunciato intanto il primo evento internazionale inserito nel nuovo cartellone: il ritorno di Cats di Andrew Lloyd Webber, nella edizione originale inglese.

Tutto ciò è stato argomento di una conferenza stampa che si è tenuta martedì 18 giugno alle ore 11 al Politeama Rossetti, alla presenza del Presidente del Teatro Stabile Milos Budin e del direttore organizzativo Stefano Curti.

Il Presidente Budin e il direttore organizzativo hanno tracciato un primo bilancio della Stagione 2013-2014, sottolineando come – in una congiuntura economica e di crisi senza precedenti – il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia possa, a chiusura dell’attività, guardare con piena soddisfazione ai dati raccolti. Innanzitutto sono state rilevate le 134.000 presenze registrate nel corso della stagione, dato che segna un aumento del 5% rispetto lo scorso anno. Incrementato anche l’incasso che sfiora per il 2012-2013 i 2,8 milioni di euro: il 13% in più rispetto alla stagione precedente. È stato evidenziato come sia stato particolarmente positivo l’esito dello sbigliettamento, cresciuto addirittura del 50% rispetto alle vendite registrate nel 2011-2012.

Il Rossetti fa un bilancio positivo della stagione 2012/2013.

Altrettanto soddisfacente – è stato detto infine – risulta il gradimento degli spettacoli, espresso dal pubblico attraverso la compilazione dei questionari di fine stagione: oltre a ciò tutti gli indicatori fondamentali sono risultati positivi, in netta inversione di tendenza rispetto alle ultime tre stagioni. Ulteriori approfondimenti e dettagli in merito ai questionari saranno forniti mercoledì 19 luglio alle ore 18, nel corso di un incontro aperto al pubblico in cui il Presidente Budin e Stefano Curti analizzeranno i risultati nel loro complesso.

Alla luce di questi dati, lo Stabile del Friuli Venezia Giulia affronta con entusiasmo ancora maggiore la preparazione del cartellone 2013-2014, che come sempre si prevede ricco di interessanti lavori di produzione, e di importanti titoli ospiti. Fra questi, si è scelto di annunciare in anteprima un significativo evento internazionale: il ritorno – dopo il clamoroso successo ottenuto nel 2008 – di Cats in edizione originale inglese.

Scirtto da Andrew Lloyd Webber e Thomas Stearns Eliot Cats è il più celebre fra i musical, arriva al Politeama Rossetti per la regia di Trevor Nunn, una prod15uzione firmata da Cameron Mackintosh and The Really Useful Group e portata in tour da David Ian Productions. Lo spettacolo approda in Italia grazie alla collaborazione fra lo Stabile regionale e Bags Entertainment che ne organizza le repliche a Milano, al Teatro degli Arcimboldi.

Cats dunque parte nuovamente da Trieste, dal Politeama Rossetti dove porterà la sua poesia irraggiungibile dal 19 al 23 marzo 2014. 21 anni e 8.950 repliche a Londra e 18 di tenitura a New York; 7 Tony Award, tra cui quello per miglior musical, miglior colonna sonora e miglior regia, un Grammy per il miglior album. un’aria – Memory – è divenuta fra le musiche più note ed eseguite della storia (l’hanno incisa ben 150 artisti di fama internazionale, da Barbra Streisand a Barry Manilow)… Cats è il musical dei musical!

Tratto da Andrew Lloyd Webber da The Old Possum’s Book of Practical Cats, un libro di poesie sui gatti di

Il musical Cats al Rossetti nel marzo 2014.

Eliot, il celebre drammaturgo inglese di Assassinio nella Cattedrale, questo splendido show possiede una qualità artistica di altissimo livello: la regia di Trevor Nunn (uno dei più celebri registi inglesi, per anni direttore della Royal Shakespeare Company e del National Theatre) è divenuta un punto di riferimento per decine di allestimenti successivi e sa equilibrare gli effetti della spettacolarità della messinscena con la delicatezza delle splendide musiche di Webber e l’armonia delle coreografie di Gillian Lyne, tra le più belle mai realizzate per un musical; i costumi di John Napier sono l’icona stessa dello spettacolo.

A Trieste, ammireremo un cast di primo livello ancora in via di definizione, naturalmente ci sarà l’orchestra: la scena sarà ancora una volta la grande discarica da cui, come vuole la trama, alla luce della luna, spunta un numeroso gruppo di gatti. Ognuno racconterà la propria vita e le proprie passioni al saggio Old Deuteronomy, per convincerlo di meritare la rinascita, in una nuova “Jellicle Life”. Ne risulta un eccezionale crescendo di numeri musicali e coreografici. Lo spettacolo sarà in abbonamento, nella stagione 2013-2014 dello Stabile regionale.

Commenti Facebook
By | 2013-06-19T09:44:49+00:00 19/06/2013|Categories: Cinema, Cultura e spettacoli|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Enrico Matzeu
Direttore artistico di Taglia Corti. Scrive di moda, costume, design e tv per molte testate on-line e commenta la televisione ogni sabato su Rai Tre a TvTalk.