Il San Paolo sbatte sui legni, Wagner fa centro: tre punti d’oro per la Triestina

La Triestina non è ancora “farfalla”, la sua metamorfosi è appena iniziata. Ma tra la squadra allenata da Costantini e quella targata Rossitto per ora emerge un’inoppugnabile evidenza: la seconda rimpolpa spesso e volentieri la propria classifica. E scusate se è poco – viene spontaneo dire -, perché se il gioco non è ancora fluido e piacevole come si augurano gli amanti del bel calcio (il “bruco” sta lentamente iniziando la sua trasformazione), i punti invece arrivano pesanti e con una certa costanza, tanto che l’Unione potrà permettersi, almeno per la settimana ventura, di dormire sonni tranquilli in virtù di una classifica che la vede al di sopra della zona calda. Ad assistere i giuliani nella conquista dei tre punti odierni, 1-0 al Rocco contro il San Paolo, è intervenuta anche la buona sorte, che ha sospinto sui legni due conclusioni a botta sicura degli ospiti.

Wagner Renan Guilherme, autore della rete che ha deciso la sfida

Wagner Renan Guilherme, autore della rete che ha deciso la sfida

LA PARTITA – L’incipit della gara è caratterizzato da tre corner in serie guadagnati e calciati dalla Triestina. A rendersi per primo pericoloso, tuttavia, è il San Paolo, che al 9′ saggia i riflessi di un attento Del Mestre. Al 18′ replica della Triestina: sugli sviluppi di un calcio piazzato Wagner riceve al limite e si libera alla conclusione, ma il numero uno ospite devia prontamente in angolo. Il match prosegue sui binari dell’equilibrio fino al 33′, quando il San Paolo manca l’occasione più ghiotta. Moresco si presenta a tu per tu con Del Mestre, ma il numero uno di casa vince il duello da far west respingendo il tentativo dell’avanti patavino. È il momento di maggior pressione ospite. Passano sessanta secondi e la Triestina rischia ancora: Moresco fa partire una staffilata da fuori, Del Mestre para, sulla respinta irrompe Bedin che alza la parabola e colpisce una clamorosa traversa. L’Unione esce dal guscio nel finale di primo tempo. L’estremo ospite smanaccia il traversone dell’indemoniato Wagner, Pimazzoni si fionda sulla sfera ma manda alto da pochi passi. Le indicazioni di mister Rossitto all’intervallo portano i frutti sperati, perché la sinfonia alabardata di inizio ripresa è di tutt’altro spessore. Prima Stentardo impegna Siva poi, all’11′, apoteosi: Wagner raccoglie ai 16 metri e disegna una parabola perfetta che si infila all’incrocio dei pali facendo impazzire il Nereo Rocco. È 1-0! Il san Paolo non ci sta, opera un doppio cambio, e si fionda in attacco. È il 23′ quando Piaggio, facilitato da un errore difensivo dell’Unione, si invola verso Del Mestre e lascia partire un fendente che colpisce il palo. L’ultimo quarto di gara è di marca padovana ma il fortino giuliano regge agli assalti “indigeni” e, al triplice fischio, il Rocco si può lasciare andare a un’esultanza e a una buona dose di meritati applausi per Vianello e compagni.

I tre punti odierni, pesanti come un macigno e preziosi come diamanti, solidificano una classifica che ora sorride alla Triestina, ma possono assumere un senso soltanto se l’Unione darà continuità, dal punto di vista delle prestazioni, alle recenti uscite. Rossitto, visibilmente soddisfatto all’uscita dal campo, sembra aver dato maggiore equilibrio all’undici giuliano, ora servirà arricchire di soluzioni offensive lo spartito per agevolare il compito agli attaccanti e lanciare la Triestina verso i traguardi che le competono.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:04+00:00 03/11/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: