On Air

Current track
Title
Artist

Current show

Current show


Il sogno di Alice debutta al Rossetti

Written by on 28 novembre 2016

Martedì 29 novembre alle 19.30 alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti debutta “Il sogno di Alice”, uno spettacolo tratto dall’opera di Lewis Carroll e interpretato dagli allievi dell’Associazione Culturale StarTs Lab sotto la direzione di Luciano Pasini.

La pièce, prodotta dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con l’Associazione Culturale StarTs Lab e la collaborazione della Provincia di Trieste, completa la trilogia iniziata con il Mago di Oz e Peter Pan sui percorsi che portano dall’infanzia all’adolescenza, un tema che calza a pennello con i giovani interpreti dello spettacolo.

Il testo teatrale è stato curato e adattato da Adriano Braidotti, la parte musicale vede la vena creativa di Marco Steffé e Luciano Pasini, le luci sono di Davide Camuzzi.
Tre cast si alternano nello spettacolo, vi hanno lavorato infatti, nel complesso, una settantina di bambini e ragazzi che frequentano le attività del Laboratorio teatrale ed anche per questo allestimento è stata rinnovata la collaborazione con il liceo artistico “Nordio” di Trieste; proiezioni e costumi sono stati ideati dagli studenti delle classi III, IV e V sotto la guida dei professori Manuela Cerebuch, Carla Crevatin, Renzo Grigolon e Marianna Staiano.

“Il romanzo – ha spiegato il regista Luciano Pasini – è stato destrutturato, creando così un percorso attraverso il quale i protagonisti e gli spettatori entrano in un “paese delle meraviglie” dove i concetti di spazio e di tempo sono irreali. Il racconto ci accompagna in un cammino favolistico sempre in bilico fra sogno e incubo, con un finale aperto all’ immaginazione e ad ogni sentimento”.

Dopo le repliche alla Sala Bartoli – fino al 4 dicembre – lo spettacolo si trasferirà al Teatro Sloveno dal 6 a domenica 11 dicembre, nel segno della collaborazione che lega i due enti e che proseguirà nel corso della stagione con lo scambio e la coproduzione di altri spettacoli.

 

Commenti Facebook

Reader's opinions

Leave a Reply


Continue reading