Il Teatro Miela avvicina i giovani alla cultura con un palinsesto ricchissimo

Al Teatro Miela torna la musica per gli appassionati del rock.

Piccolo, ma intenso. Con questa breve descrizione è possibile rendere l’idea di quello che sarà il ricco palinsesto della nuova stagione del Teatro Miela.
Nonostante le difficoltà economiche, il Teatro riesce a portare numerosi eventi all’attenzione del pubblico, utilizzando la situazione di profonda crisi economica per stringere accordi con le altre realtà culturali di Trieste, come ad esempio il Politeama Rossetti.

Uno dei principali obiettivi che pare accomunare gli ambienti triestini più dediti allo spettacolo è la rinnovata voglia di agevolare i giovani, tramite diversi sconti sui prezzi dei biglietti, fornendo loro una scusa per riavvicinarsi alla cultura.

La stagione 2013/2014 del Miela, autodefinitosi “Teatro Instabile”, non si farà di certo mancare la musica.
Ecco infatti che il palco verrà riempito dalle musiche dell’associazione Trieste is Rock, che comincerà a suonare da venerdì 4 ottobre con i Sinheresy.
Sempre con la collaborazione di Bonawentura, riparte in progress, la stagione di musica dal vivo. Si avranno ospiti come Scott Matthew, i Marta sui tubi e Bombino, chitarrista paragonato a Jimi Hendrix.

Il Miela viaggerà anche per Le Nuove Rotte del Jazz, rassegna del Circolo Culturale Controtempo,

Eivind Aarset & Jan Bang, con un jazz alternativo.

arrivata alla sua undicesima edizione. A Trieste e, in esclusiva, per tutto il Nordest, tre concerti imperdibili che pur proponendo nuovi stimoli, rimangono fedeli alla scelta caratteristica di Controtempo di una proposta alternativa a quella dei circuiti mainstream. Sul palco del Miela arriveranno Eivind Aarset & Jan Bang, poi Tommaso Cappellato & Astral Travel, per finire con Bobo Stenson.

Non vanno dimenticate, però, quelle che possono essere considerate come le origini della musica. Bonawentura e Stazione Rogers aderiscono alla Prima Settimana Beethoveniana, dal 5 all’11 novembre. La settimana è l’anima pulsante del Progetto Nove ideato dalla Società dei Concerti di Trieste, in occasione dell’esecuzione integrale delle Nove Sinfonie, realizzata in collaborazione con il Teatro Verdi di Trieste.
E se Beethoven non è abbastanza, c’è anche Mozart pronto ad allietarvi. Infatti, l’Associazione Mozart, operante in Italia da più di vent’anni, la cui sede si trova a Rovereto (TN), ha scelto il Teatro Miela come una delle piattaforme per rilanciare la scoperta del compositore austriaco.

Presenti all’appello anche gli eventi organizzati da Valeria Paniccia e dalla sua serie Extraterreni, prodotta da RaiSat Extra, dedicata ai viaggi all’interno di cimiteri monumentali italiani e stranieri, alla riscoperta delle vite che lo abitano. Il primo incontro, tenutosi il 29 settembre, è stato dedicato a Margherita Hack. Il prossimo sarà mercoledì 2 ottobre con un documentario sul cimitero di Parigi, Père-Lachaise, presentato da Giorgio Albertazzi.

Ritornano gli appuntamenti tipici del Miela con la rassegna Film Outlet e gli spettacoli del Pupkin Kabarett.

Non mancheranno le proiezioni di Film Outlet ovviamente, con le loro pellicole in lingua originale, le seconde visioni e i cult movies. Il primo appuntamento è per il 9 ottobre con To Be or Not To Be di Ernst Lubitsch.

Ritornano anche gli eventi sul tema delle migrazione dell’associazione S/paesati. La rassegna verrà aperta con RimaD’origine di Elisa Vladilo, evento che prevede un’installazione nell’atrio della Stazione Centrale di Trieste di un tappeto colorato, sul quale donne appartenenti alle varie culture presenti nella città scriveranno le loro poesie più care nella lingua d’origine.

Un’importante novità connota invece la stagione altri percorsi: aumentano gli spazi teatrali in cui prenderanno forma gli oltre 20 titoli in cartellone. Il Teatro Miela, infatti, andrà ad affiancare la Sala Bartoli e la Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti, ospitando alcune date uniche.
Ci saranno anche delle coproduzioni tra i due stabili, come quella per La coscienza di Zeno spiegata al popolo, spettacolo interpretato da quelli del Pupkin diretti dall’amico Paolo Rossi.
Infine, non si poteva non parlare proprio del Pupkin Kabarett, con i loro nuovi spettacoli che portato il sottotitolo “quando il gioco si fa duro i comici cominciano a grattare”. Il loro debutto è previsto per il 4 ottobre, rigorosamente alle 21.02.

Commenti Facebook

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.