Il weekend di Tetris

Tra uova, colombe e qualche agnello ormai alle strette, i weekend di Tetris prosegueno imperterriti. Venerdì 25 sarà di nuovo tempo di elettronica. Al circolo di Via della Rotonda arriverà Nacho & Mos, un progetto di musica elettronica improvvisata che nasce dalle ceneri dei Circo Bazooko e che spazia dal circuit bending al drone, con incursioni nella techno e nel krautrock. Lorenzo Mos si occupa della costruzione di oscillatori e della modifica di strumenti giocattolo, Nazareno Bassi segue la parte software del progetto. Per scelta Nacho & Mos producono la loro musica esclusivamente dal vivo, rifiutando la produzione di un qualsiasi album. Insomma, per ascoltarli non c’è altra scelta. In apertura, Amor†h presenterà il suo secondo album †ormen†or: sonorità cupe, introspettive, con una massiccia dose di elettronica e un approccio negli arrangiamenti fra ambient oscuro e post-rock distorto. Il djset di chiusura sarà invece affidato a digitinis.
Sabato 26 al Tetris ritornerà il grindcore. Dal Messico arriveranno i sanguinari Fecalizer, con il nuovo album Gore Galore, e i Paracoccidioidomicosisproctitissarcomucosis (ebbene sì), che non sarebbe altro che una serie di malattie e parti anatomiche scritta senza spazi, se non fosse anche una band veterana del genere. In apertura, i triestini ShitFuckingShit.
Anche la domenica non resterà sguarnita. Al Tetris si esibiranno gli Antares, band in equilibrio tra punk, hardcore, rock’n’roll e hard rock. Come scrivono su The New Noise, “gli Antares non sono il classico gruppo rock‘n’roll distorto, men che meno sono etichettabili come punk-rock, sembrano piuttosto degli Hanoi Rocks impegnati a fare le cover dei Rose Tattoo con gli strumenti dei Motörhead e l’indole iconoclasta dei Fear, tanto per dire una cosa senza senso eppure in qualche modo ficcante”.

Commenti Facebook
By | 2016-03-25T09:51:37+00:00 25/03/2016|Categories: Magazine|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.