Jannacci lascia un vuoto anche nei più giovani

Enzo Jannacci

E’ morto nella sera di venerdì 29 marzo Enzo Jannacci, una delle figure più caratteristiche ed importanti del cabaret italiano di ieri e di oggi.
Con la sua comicità propedeutica al ragionamento e insieme ad una buona dose di satira, Jannacci non è mai riuscito a dedicarsi solo a una cosa. Studiando medicina, ed esercitando successivamente la professione medica, l’Enzo nazionale non ha messo da parte l’altro lato di sé, rivolgendo le sue attenzioni anche ad un altro tipo di lavoro: quello dell’artista.
Musicista, cantante e attore, sono le altre facce di uno dei personaggi che maggiormente hanno partecipato alle scene dello spettacolo italiano, collaborando con altri artisti del suo calibro i quali, come Jannacci stesso, hanno delineato la storia della televisione e della cultura italiana.
Facendo un esempio: all’esclamazione “vengo anch’io”, la risposta è a dir poco automatica.

A dare l’addio al cantautore milanese sono stati in molti. Fabio Fazio, salutandolo su Twitter, lo ha definito un genio.
Ogni generazione ha rivolto il proprio pensiero a Enzo Jannacci, invadendo i vari social network. E questo va a dimostrare come lo stile e la mentalità del medico cabarettista siano riusciti in qualche modo ad arrivare anche a coloro che non hanno vissuto in diretta gli anni più rigogliosi della televisione italiana, dove ancora non c’erano i reality.

Commenti Facebook
By | 2013-04-02T08:22:28+00:00 02/04/2013|Categories: Cultura e spettacoli, Musica|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.