Johnny Winter porta al Rossetti il suo blues

Arriva in Italia per quattro imperdibili appuntamenti JOHNNY WINTER, icona del blues bianco, definito da Rolling Stone il secondo più grande talento texano di tutti i tempi dopo Janis Joplin.
Il guitar hero statunitense approderà lunedì 27 febbraio al Politeama Rossetti di Trieste per l’atteso evento co-organizzato da Azalea Promotion e l’Associazione Trieste is Rock, assieme al Comune di Trieste – Assessorato allo Sport e il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Johnny Winter

Sul palco in qualità di support act anche THE CYBORGS, il power duo più unico che raro nel panorama musicale italiano. Nessun volto, nessun nome, solo tanta musica ed ironia per i due musicisti “sconosciuti” che si fanno chiamare semplicemente “0” e “1”, come i simboli del sistema binario e presenteranno il loro omonimo album. “0” suona la chitarra ed è la voce del duo, che grazie ad un microfono inserito nella celebre maschera, sembra provenire direttamente da una navicella spaziale. “1” fa tutto il resto: bassi, tastiere e batteria.

JOHNNY WINTER sarà accompagnato da Vito Liuzzi alla batteria, Scott Spray al basso e Paul Nelson, chitarrista e produttore di “Roots”, il suo nuovo straordinario album pubblicato a fine settembre e balzato subito in vetta alle classifiche blues di tutto il mondo.
Ancora oggi riesce difficile capire come una persona così minuta, cagionevole, quasi eterea, possa sprigionare tanta energia. JOHNNY WINTER, sin da giovane seppe dimostrare il suo carattere, quando, unico bianco presente al concerto di B.B. King, riuscì a farsi consegnare la chitarra dal bluesman in persona per provare al pubblico che anche un bianco poteva suonare il blues.

JOHNNY WINTER, pur avendo subito contaminazioni musicali sia dal blues che dal rock ‘n roll, ha saputo creare uno stile unico e inconfondibile, in grado di influenzare migliaia di altri musicisti e capace di consacrarlo tra i migliori chitarristi in circolazione.
Dopo centinaia di concerti sui palchi di tutto il mondo a suon di quel rock ‘n roll su cui è impossibile non ballare, il JOHNNY WINTER di oggi è un vero sopravvissuto. I segni del tempo e degli eccessi hanno segnato il suo corpo ma ne hanno risparmiato le dita, che muovendosi sulla chitarra con l’agilità di una volta, sanno ancora ricreare quell’atmosfera e quel calore di cui solo un grande artista è capace.

Commenti Facebook
By | 2012-02-22T13:04:57+00:00 22/02/2012|Categories: Musica|0 Comments

About the Author:

radioincorso
La web radio degli studenti dell'Università di Trieste. Collabora anche tu!