La Barcolana in musica

Doveva tenersi proprio sotto l’Ursus, la gru d’acciaio ormeggiata a largo del Molo IV, guidato dal vento e dalle suggestioni del mare. Invece il concerto di venerdì del pianista e compositore Remo Anzovino si è tenuto al Teatro Miela, per il rischio di maltempo. Ma un segnale l’ha lanciato comunque. Era infatti la prima volta che si inaugurava un’edizione della Barcolana sotto l’insegna della musica.

La regata, organizzata alla Società Velica di Barcola e Grignano, si conferma anche quest’anno un appuntamento a 360 gradi, offrendo dieci giorni di appuntamenti a terra e in mare. Una festa che sarà anche in musica. Date le premesse inaugurali, non poteva che andare così: altri due grandi artisti saliranno sul palco di Piazza Unità.

Il primo, venerdì 9 ottobre, sarà Il Cile, al secolo Lorenzo Cilembrini, cantautore nato lontano dalle luci dei talent show che incontrò subito il favore della critica e del pubblico, ma anche di illustri colleghi. Non a caso in quest’ultimo anno ha collaborato a diversi brani di “9”, ultimo album dei Negrita, e soprattutto alla hit dell’estate “Maria Salvador”, con J-Ax. Sullo stesso palco si avvicenderanno, poi, anche alcuni gruppi emergenti della provincia di Trieste, selezionati attraverso un apposito bando sul sito ufficiale della Barcolana.

Ma il grande appuntamento sarà sabato 10 ottobre, a partire dalle 21, con Max Gazzè, uno dei tessitori di trame musicali più raffinati del panorama italiano. Chiamato a fare la star della “Barcolana in Musica 2015”, in Italia si è ormai affermato come una delle penne più sagaci e profonde della scena nazionale, con vere e proprie pietre miliari del cantautorato del nostro paese. L’artista romano sarà anticipato sul palco dal songwriter folk The Leading Guy.

In attese delle vele di domenica, non ci si potrà certo annoiare.

Commenti Facebook
By | 2015-10-06T12:57:51+00:00 06/10/2015|Categories: Magazine|Tags: , , |Commenti disabilitati su La Barcolana in musica

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.