La Bavisela premia la “passione” del suo staff

Premiazioni Bavisela

Si è tenuta ieri pomeriggio, presso l’hotel Savoia, la conferenza stampa di premiazione della Bavisela 2013. In una sala gremita tra operatori dei media, giornalisti e curiosi, il presidente organizzatore della manifestazione Fabio Carini, ha premiato coloro che con passione e dedizione hanno reso sempre più emozionante la manifestazione podistica che ogni anno regala emozioni e soddisfazioni alla cittá di Trieste.
Una Bavisela dai grandi numeri che nonostante la crisi ha registrato numeri da record così come ha voluto sottolineare il presidente: “La Bavisela di quest’anno ha superato tutti i record dei primi vita anni con più di quindicimila persone che hanno partecipato. Siete riusciti a farvi coinvolgere quello che è uno spettacolare clima, quello di Trieste. Il budget di quest’anno per la prima volta della storia non ha coperto i propri costi grazie ai contributi pubblici, la prima voce di entrata è l autofinanziamento, un evento storico che dimostra di essere un evento sano”.
Ma come ogni grande evento ci dimostra, fondamentale nell’edizione di quest’anno, è stata la comunicazione sui social network con la pagina di Facebook che ha raggiunto quota 10000 like prima della manifestazione, passata ora a 13000; comunicazione che oltre ai social network ha fatto si che oltre il 58% dei partecipanti venisse da fuori città.
Comunicazione, coinvolgimento, responsabilità sociale ed etica: un ben-essere caratterizzato da passione e determinazione. Questi i caratteri che riassumono lo spirito dell’edizione 2013 della Bavisela che da quest’anno avrà come motto “Never Give In To Violence”, in onore dei violenti fatti accaduti durante la Maratona di Boston il 15 maggio scorso.
Tantissimi i premiati, dai campioni provinciali a tutti coloro che hanno lavorato per questa edizione e hanno già inizato a lavorare per quella del 2014 ma in particolare, le parole che hanno colpito i presenti, sono state quelle di Gudrun Martini, runner d’eccezione: “”Tre anni e mezzo fa ho battuto un tumore al cervello e sono riuscita a superare la malattia, per me ogni corsa, al di là del risultato, significa che ho vinto”.
Emozionatissimo anche Migidio Bourifa, uno degli uomini simbolo della Bavisela nelle ultime edizioni, che quest’anno ha partecipato alla Mezza Maratona partita da Gradisca d’Isonzo: “Da Trieste ho ricevuto tanto, credo di aver dato molto anch’io e voglio continuare a farlo, d’ora in poi continuerò la collaborazione con la Bavisela come supervisore tecnico nello staff. Voglio contribuire a fare crescere sempre più una manifestazione sportiva che già si è distinta con successo in campo internazionale. Sono molto legato a Trieste e considero ormai la Bavisela la mia seconda famiglia”.

(Foto Roberta Radini)

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:13:59+00:00 08/06/2013|Categories: Sport|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.