La NASA costruirà la Morte Nera di Star Wars?

L’amministrazione Obama ha nel contatto diretto con gli elettori uno dei suoi punti di Forza. E’ per questo che sul sito web della Casa Bianca è stata creata una sezione dove i cittadini possono creare petizioni. Una delle più famose riguarda la richiesta di investire nel futuro… costruendo la Morte Nera. Sì, avete capito bene, intendono proprio la stazione da battaglia realizzata dall’Impero Galattico in Star Wars.

La risposta alla petizione è semplicemente geniale, ricca di humor e fonte di ispirazione. Segue la traduzione.

L’amministrazione condivide il vostro desiderio di creare lavoro e di avere un forte apparato di difesa nazionale, ma la Morte Nera non è all’orizzonte. Di seguito alcune ragioni:
– La costruzione della Morte Nera  ha un costo stimato di oltre 850’000’000’000’000’000 dollari. Stiamo lavorando per ridurre il debito pubblico, non aumentarlo.
Questa amministrazione è contraria al far esplodere pianeti.
– Perché spendere una cifra spropositata di soldi dei contribuenti per una Morte Nera con un punto debole fondamentale, sfruttando il quale può essere distrutta da una nave spaziale guidata da un solo uomo?

Comunque, se guardate con attenzione, vedrete che c’è già qualcosa nel cielo e non è la Luna, ma una

Dovremmo accontentarci della Stazione Spaziale Internazionale.

Stazione Spaziale! Si’, abbiamo una gigantesca Stazione Spaziale Internazionale, delle dimensioni di un campo da football, che orbita intorno alla Terra e ci aiuta a imparare come gli uomini possano vivere (bene) nello spazio per lunghi periodi. La Stazione Spaziale ospita al momento sei astronauti, Americani, Russi e Canadesi, che conducono esperimenti, accolgono periodicamente altri veicoli e devono manutenzionare gli schiaccia-rifiuti di bordo.
Abbiamo anche due laboratori scientifici robotici su Marte, di cui uno dotato di laser, per scoprire se è mai esistita vita sul Pianeta Rosso.
Tenete a mente che lo spazio ormai non è più una prerogativa dei governi. Compagnie private americane, attraverso il C3PO (Commercial-Crew-Cargo Programm Office), trasportano merci, e presto anche personale, nello spazio per conto della NASA e hanno in programma di effettuare missioni umane sulla Luna entro questa decade.
Sebbene gli Stati Uniti non posseggano nulla capace di completare la Rotta di Kessel in meno di 12 parsec, abbiamo due sonde in procinto di lasciare il Sistema Solare e ne stiamo costruendo una capace di volare fino agli strati più esterni del Sole. Stiamo scoprendo centinaia di nuovi pianeti in altri sistemi solari e stiamo costruendo un successore più potente del Telescopio Hubble, che guarderà indietro fino ai primi giorni dell’Universo.

Obama Jedi, il Presidente con la spada laser.

Non abbiamo la Morte Nera ma abbiamo assistenti robot volanti sulla Stazione Spaziale, un Presidente che non se la cava male con le spade laser e con progrediti cannoni (di marshmallows) e l’Agenzia della Difesa per i Progetti di Ricerca Avanzata sta finanziando delle ricerche per costruire il braccio di  Luke, droidi volanti e quadrupedi che possano camminare.
Viviamo nel futuro! Godetevelo. O meglio ancora, aiutateci a costruirlo intraprendendo una carriera nel campo della scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. Il Presidente ha voluto tenere la prima “Fiera della Scienza” e la “Notte Astronomica del South Lawn” perché sa che questi campi sono critici per il futuro del nostro Paese e per assicurare che gli Stati Uniti continuino a essere leader mondiali in grandi cose.
Se davvero perseguirete una carriera nel campo della scienza, ingegneria, tecnologia o matematica, allora la Forza sarà con noi!
Ricordate, il potere della Morte Nera di distruggere un pianeta, o anche un sistema solare, è insignificante in confronto al potere della Forza.”

L’autore della risposta è Paul Shawcross, Direttore del Settore Scienza e Spazio all’Ufficio della Casa Bianca per Management e Budget.

Commenti Facebook
By | 2013-05-09T09:12:27+00:00 09/05/2013|Categories: Mondo, Tecnologie|Tags: , , |0 Comments

About the Author: