La Scuola per Interpreti e Traduttori ha i suoi primi dottorati

Arrivano da Trieste i primi tre dottorati in Scienze dell’Interpretazione e della Traduzione del nostro Paese, nominati dopo aver discusso in inglese le loro tesi davanti alla Commissione, composta dai docenti Federica Scarpa dell’Università di Trieste, Angel Felices Lago, dell’Università di Granada, e Marina Bondi dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Al termine dell’esposizione infatti la Commissione ha proposto al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste che sia conferito a tutti e tre i candidati il titolo di Dottore di Ricerca e, avendo verificato la sussistenza dei requisiti previsti, anche la certificazione aggiuntiva Doctor Europaeus.

La Commissione ha proposto di conferire ai candidati il titolo di Dottore di Ricerca e di Doctor Europaeus.

I tre candidati del corso di dottorato in Scienze dell’Interpretazione e della Traduzione, attivato per la prima volta nel 2009 per il XXV ciclo, sono Katia Peruzzo, con una tesi su “Terminological Equivalence and Variation in the EU Multi-level Jurisdiction: A Case Study on Victims of Crime”, Gianluca Pontrandolfo, che ha presentato una tesi su “La fraseología en las sentencias penales: un estudio contrastivo español, italiano, inglés basado en corpus” e Paola Valli, con la tesi “Concordancing Software in Practice: An Investigation of Searches and Translation Problems across EU Official Languages”.

Un altro piccolo tassello che rende l’ateneo triestino un centro d’eccellenza.

Commenti Facebook

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa